“Discriminazione antimassonica da Forza Nuova a Delrio”

di Michele Moramarco

18/8/2018 – Uno dei portabandiera della becera e incolta discriminazione anti-massonica deve oggi, pare, qualche spiegazione alla Nazione, riguardo ai poveri morti di Genova.

Graziano Delrio


Nel Convegno OCDA – Bologna, 27 ottobre, a breve il programma – dedicato alle persecuzioni antimassoniche nel Campo di Fossoli (1943-1944) e in cui sarà presentata documentazione che dimostra come la Fondazione odierna continui a discriminare i Liberi Muratori, un workshop sarà riservato al tema: “Tipologie dell’odio anti-massonico attuale, da Forza Nuova all’ex-ministro Delrio”.
Si farà luce su un tarlo che affligge trasversalmente alcuni grumi della politica italiana, in cui si ritrovano capataz giallo-verdi, esponenti delle gerarchie vaticane, antisemiti di sempre e stalinisti dismessi.

 

(da Facebook) 

Condividi

5 risposte a “Discriminazione antimassonica da Forza Nuova a Delrio”

  1. Alessandro Raniero Davoli Rispondi

    18/08/2018 alle 20:50

    Gentile fratello Michele Moramarco,
    Lei è proprio sicuro che il deputato Graziano Delrio sia un cattolico ortodosso anti massone? …..
    Sarebbe il caso lei verificasse questa nuova presso qualche venerabile del GOI, ed eventualmente, se del caso, correggere l’errore.
    Con simpatia, un cittadino critico, ma non ostile sempre e comunque, alla Massoneria.
    Alessandro Raniero Davoli

    • Michele Moramarco Rispondi

      18/08/2018 alle 23:31

      Gent. sig. Davoli,
      nessun errore da correggere. Forse non ricorda le dichiarazioni farcite di arroganza ignorante sulla Massoneria come “incompatibile” con le libere istituzioni. Basterebbe questo, ma c’è molto altro.
      Comunque, se verrà al Convegno sulle persecuzioni anti-massoniche nel Campo di Fossoli (Bologna, Biblioteca Bozzano De Boni, Via Marconi 8, 27 ottobre 2018, ore 15), avrà modo di sentire, sul tema di cui scrive, esponenti di varie Comunioni massoniche, GOI incluso.
      Il suo tono leggermente ironico-allusivo, comunque (“sarebbe il caso lei verificasse… ecc.”), non funziona, mi creda. E in ogni caso, per dare corpo ai suoi “fantasmi” o esporre le sue tesi, si presenti a Bologna e dica la sua. Sarà accolto cortesemente.
      Cordialità,
      Michele Moramarco

  2. Ipotetico Rispondi

    19/08/2018 alle 01:31

    Aggiungo a quanto detto dal Davoli: siamo sempre nello schema castagnettiano per cui l’Opus Dei è cosa bella e giusta e non ha nulla a che fare con la massoneria. Questa definizione è da un lato ineccepibile, quello dei contenuti, dall’altro discutibile, sul fronte dell’organizzazione tipica di logge deviate. Alcuni ritengono che, nella miglior tradizione italica, almeno dal punto di vista organizzativo i due estremi possano arrivare a toccarsi, nel senso di assomigliarsi così da tanto da essere espressioni identiche di istanze opposte. Penso che questo approfondimento segnalato da Ghiggini sia davvero interessante.

  3. Alessandro Raniero Davoli Rispondi

    19/08/2018 alle 11:01

    Gentile Moramarco, accetto il suo invito.
    Se mi sarà possibile sarò presente. Il mio dubbio su Graziano Delrio antimassone era sostenuto da una frase inserita nel mio commento, cancellata dal moderatore.
    Credo che Graziano Delrio non sia più contrario all’Arte massonica da almeno cinque-sei anni. I motivi, sorprendenti, glieli comunicherò personalmente.
    Un saluto,
    Alessandro Raniero Davoli

  4. Michele Moramarco Rispondi

    19/08/2018 alle 12:58

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *