Ex-Reggiane bomba ecologica: rimosse 233 tonnellate di rifiuti urbani, 10 di amianto e 40 di sostanze liquide

11/9/2018 – Iren Ambiente ha concluso la bonifica dai rifiuti dei capannoni abbandonati delle ex Reggiane: . Nell’ara tuttavia continuano a vivere almeno una settantina di senza tetto, non si sa quanti clandestini. Lo hanno comunicato ieri sera alla commissione consiliare competente il vicesindaco Matteo Sassi e l’assessore Daniele Marchi.

Le cifre della bonifica sono rilevanti. le ex Reggiane erano (e forse sono ancora) una bomba ecologica. Tra fine maggio e il 22 giugno gli operatori hanno rimosso  233 tonnellate di rifiuti solidi urbani, oltre dieci tonnellate  chilogrammi di amianto residuo. Inoltre hanno smaltito quasi due tonnellate di lana di roccia e guaina bituminosa e 39 mila 380 chili di rifiuto liquido (olii, vernici, sostanze chimiche).

“Sono state effettuate  operazioni di chiusura degli accessi all’area – aggiunge il comune  – e sono state installate alcune telecamere al fine di filmare eventuali mezzi illecitamente entrati nell’area dismessa”.

Cumuli di rifiuti nei capannoni

Cumuli di immondizia alle ex Reggiane

Suddivisa l’area in ‘blocchi’, le attività di rimozione sono partite dalla zona di via Agosti e si sono spostate progressivamente verso via Dell’Aeronautica.

Questa la successione degli interventi:

– disinfezione preliminare della Palazzina ex direzione e della vicina Palazzina 1;

– sgombero dei rifiuti abbandonati nella Palazzina ex direzione presenti al piano terra, nei piani superiori e nelle aree superiori;

– sgombero dei rifiuti abbandonati nella Palazzina 1 presenti al piano terra e nei piani superiori;

– sgombero rifiuti abbandonati nel parcheggio;

– sgombero rifiuti abbandonati nei capannoni di lavorazioni, inclusa la rimozione di residui di amianto frantumato miscelato ad inerti e di rifiuti e liquame accumulati all’interno di una vasca interrata;

– sgombero rifiuti abbandonati nella Palazzina 5;

– pulizia e sgombero rifiuti abbandonati nelle aree verdi esterne.

Nella Palazzina uffici, è stato finalmente sbarrato l’accesso al seminterrato “per motivi di sicurezza”.

A  bonifica completata  “verrà istituito all’interno dell’area un presidio socio-sanitario” . Nel frattempo operatori dei Servizi sociali e del privato sociale “si impegnano nella definizione di percorsi di uscita dalla zona e di inserimento in percorsi di inclusione delle persone migranti con regolare permesso di soggiorno”. I clandestini dovranno essere espulsi. Ma i tempi dell’operazione non sono ancora chiari: le ex-Reggiane, anche se ripulite, continuano a essere un polmone di emarginazione, illegalità e piccola delinquenza.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *