Alessandro Davoli candidato sindaco a Castelnovo Monti
“Corro con la Lega per i cittadini, aperto ai 5 Stelle”

8/6/2018 – Alessandro Davoli, già consulente del ministero Affari Esteri, sarà il candidato sindaco della Lega Nord  a Castelnovo Monti. Lo ha annunciato lo stesso Davoli: “Dopo alcune settimane di riflessione, ho accettato l’invito dell’onorevole Gianluca Vinci e del segretario provinciale della Lega Roberto Monti a presentarmi a Castelnovo Monti e preparare  una lista per le amministrative della primavera 2019”.

La Pietra di Bismantova

Davoli, sfidante numero 1 del sindaco Enrico Bini, parte con buone chance: perché alle politiche del 4 marzo, a Castelnovo Monti, Pd, 5 Stelle e Lega sono quasi arrivati alla pari. Il centro destra ha preso il 37,44% e la Lega il 25,30: per soli 5 voti non ha strappato al Pd lo scettro di primo partito. I 5 Stelle hanno ottenuto il 24,74%.  E a Castelnovo Monti si vota col maggioritario secco.

“Sotto il simbolo della Lega costruirò una lista elettorale aperta al sostegno di altri partiti, a donne e uomini della società civile”, afferma Alessandro Davoli, che lancia anche un messaggio a M5S: “E’ il benvenuto, può contribuire con candidati in lista e idee, se sceglierà di seguire l’esempio del governo nazionale”.

“Serve una nuova moralità”, aggiunge snocciolando alcuni capisaldi del programma elettorale:  “Niente favori, onestà e massima attenzione alla regolarità degli appalti pubblici. Sarò al servizio dei cittadini italiani, con aiuti reali alle nostre famiglie con bambini”.

E ancora: “Revisione del sistema raccolta rifiuti, monopolio IREN, dalle altissime tariffe, che penalizzano imprese agricole, commercianti, artigiani, famiglie e singoli cittadini.

Lotta senza tregua per la riapertura della maternità (centro nascite) all’Ospedale Sant’Anna, tramite tutti i poteri propri di un sindaco: al primo posto la salute delle partorienti, delle mamme e dei neonati.

Nuovo regolamento edilizia privata, ora penalizzante e con regole assurde per un paese di montagna.
Riorganizzazione della polizia municipale, distacco dall’Unione dei comuni e aumento dell’organico.
– icurezza e qualità delle scuole materne, degli edifici pubblici comunali; come scuole di proprietà di altri enti, (provincia), immobili che hanno denunciato gravi carenze strutturali e di manutenzione. (Cattaneo Dallaglio).

Alessandro Davoli

Ridiscussione del progetto centrale a biomassa, in area PEEP, (inquinamento da polveri sottili a ridosso della materna e dell’impianto di atletica).
Autorizzazione a investimenti di imprese private per un forte sviluppo turistico del territorio: riqualificare Castelnovo Monti come “stazione climatica”, costruire la fly-line panoramica dalla Pietra di Bismantova, un nuovo camping (che è stato eliminato da oltre vent’anni!), e l’impianto sportivo professionale per la bocciofila, promesso da due amministrazioni e mai realizzato”.

Conclude Davoli: “Le  elezioni politiche di marzo hanno dato un segnale chiaro: i nostri cittadini chiedono un cambio totale della classe politica, per uscire da questa crisi economica e morale. Sostituire, spedire all’opposizione gli amministratori del Pd: questo è il mio impegno, questo io prometto agli elettori”.

Condividi

Una risposta a 1

  1. Alberto Rispondi

    09/06/2018 alle 09:44

    Una cosa è certa: la politica oggi necessita di persone sicure di sé, attive, pronte a combattere contro tutto e tutti nell’ interesse dei cittadini, e mai subordinate a logiche personali. Davoli non è l’ uomo dei forse- vorrei- potrei- non saprei…Non è mister simpatia, ma almeno l’ ambiguità non è un suo difetto e ha dimostrato d’ essere sempre coerente con la parola data.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *