“Profugo” del Mali con 2,5 kg di droga
in un capannone delle ex-Reggiane

15/5/2018 – Comincia a emergere la verità sulla “città dei clandestini” alle ex Reggiane, dove dopo tante denunce finalmente sonmo state avviate la pulizia, lo sgombero e la chiusura dei capannoni che costituiscono urbanisticamente la cerniera tra  il centro di Reggio e la zona Nord.

Durante una battuta a tappeto degli edifici abbandonati nella zona di Santa Croce i Carabinieri con l’ausilio del nucleo cinofili di Reggio Emilia hanno scovato due chili e mezzo di marijuana, destinata ad essere spacciata agli studenti dei poli scolastici cittadini, nell’alloggio di fortuna di un richiedente asilo del Mali, in un capannone, appunto, delle ex Reggiane. La droga era in due valigie sotto il letto. I carabinieri hanno così arrestato il maliano Yankuba Barrow di 20 anni, con precedenti specifici.

La droga, il cellulare, i soldi e il bilancino sequestrati al richiedente asilo maliano alle ex Reggiane

La droga, il cellulare, i soldi e il bilancino sequestrati al richiedente asilo maliano alle ex Reggiane

La "camera" dov'è stata rinvenuta la marijuana

La “camera” dov’è stata rinvenuta la marijuana

Ieri pomeriggio i militari, entrati nell’area della grande fabbrica abbandonata, ha sorpreso il maliano che, seduto in un’area coperta, si godeva uno spinello. Appena si è accorto dei militari, il ragazzo si è disfatto dello spinello e ha spento il cellulare. In tasca aveva una decina di grammi di marjiuana e un centinaio di euro in contanti.  Ma in una camera diroccata lì vicina, hanno trovato i documenti del richiedente asilo. A quel punto la perquisizione: il carico di marijuana era in un trolley viola sotto il letto (oltre due chili) e in uno zainetto (mezzo chilo). accanto al letto anche un bilancino di precisione. Immediato l’arresto per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio.

Diapositiva3 (2)

E’ la seconda operazione dei Carabinieri nei confronti dei pusher-richiedenti Diapositiva2 (1)asilo che specciano agli studenti. Nei giorni scorsi a Correggio hanno arrestato un ghanese di 20 anni e denunciato un altro ghanese e tre nigeriani che vivono in una struttura d’accoglienza  gestita da una cooperativa, dopo aver trovato due etti di droga nella camera del ghanese e dopop le ammissioni di diversi studenti che compravano marijuana e hascisc dai richiedenti asilo.

Ieri mattina il giudice di Reggio Emilia ha convalidato l’arresto del ghanese mettendolo agli arresti domiciliari nella stessa struttura d’accoglienza.

 

 

 

Condividi

2 risposte a “Profugo” del Mali con 2,5 kg di droga
in un capannone delle ex-Reggiane

  1. paola Rispondi

    15/05/2018 alle 15:03

    che poi sono quelli che intervistati da tv locali chiedono al comune di reggio e a gran voce, un lavoro, perché il comune glielo deve dare.

  2. giuseppe Rispondi

    15/05/2018 alle 16:07

    E non solo. Sono alcuni di quelli che , coordinati da un racket, chiedono l’elemosina col berretto in mano in ogni punto della città, prestabilito dal racket stesso ed a cui devono rendere conto. Perché non si interviene su questo fenomeno che sta dilagando ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *