Dolore immenso: ora Rebecca gioca a rugby in cielo

2/5/2018 – “Ringrazio tutti, ora Rebecca è nella Casa del Padre e prega per tutti coloro che le sono stati vicini con la preghiera”. Con queste parole Giuliano Braglia ha dato su Facebook la tremenda notizia della morte della figlia Rebecca, giocatrice di rugby, ricoverata in condizioni disperate da domenica mattina  all’ospedale Bufalini di  Cesena, dopo l’incidente accaduto nel corso di una partita a Ravenna. Rebecca giocava nella squadra femminile dell’Amatori Parma, squadra nata da appena un anno e di cui Rebecca, nonostante la giovane età, era la giocatrice più esperta.

Rebecca Braglia

Rebecca Braglia

Già a 10 anni giocava a Reggio, poi era passata al Colorno e dal 2017 era agli Amatori Parma, dove l’aveva portata il coach della squadra, che sino all’ultimo è rimasto insieme ai famigliari accanto a Rebecca.

Rebecca Braglia

Rebecca Braglia

Innumerevoli i messaggi di cordoglio sui social network, fra gli altri quello di Marco Eboli, che per primo ha annunciato il decesso della ragazzina.

Perm il momento la  salma della giocatrice reggiana resta a disposizione della Procura di Ravenna. Un atto dovuto, in considerazione dell’incidente e a seguito della dichiarazione di decesso del collogio medico, come previsto nei casi di morte cerebrale.  Non si possono escludere ulteriori accertamenti, che potrebero essere chiesti dalla famiglia. Un’inchiesta sarà apwerto anche da Federugby.

Sul campo di Ravenna, Rebecca ha battuto violentemente la testa sul prato, candendo all’indietro dopo un placcaggio verso una giocatrice dell’Imola-Ravenna. Il direttore di gara non ha segnalato nulla di irregolare, l’azione di gioco è continuata e le ragazze si sono fermate solo quando si sono rese conto che Rebecca non si era rialzata. E’ evidente che questa tragedia porterà non solo a un esame accurato delle condizioni del campo, ma anche a una revisione ulteriore delle norme di sicurezza, in quanto è obbligatorio portare il paradenti, ma non la calotta protettiva.

La federazione sportiva ha deciso che nel fine settimana su tutti i campi sarà osservato un minuto di silenzio

Intanto la Federazione si stringe attorno alla famiglia Braglia: in memoria di Rebecca è stato deciso che nel fine settimana su tutti i campi venga osservato un minuto di silenzio. si valuterà inoltre se giocare o no  la Coppa Italia a sette in programma domenica proprio a Parma.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *