Il patto segreto Pci-servizi Usa durante la guerra
Paolo Pisanò e Vainer Burani discutono di “Communists” con Tadolini

 

 

13/4/2018 – E’ un dibattito come ormai accade di rado quello di sabato mattina alle 11, alla trattoria Serena di Pineto di Vetto (seguirà conviviale a base di tortelli di montagna) per la prima presentazione nel reggiano dell’ultimo libro dello storico e avvocato Luca Tadolini. E’ intitolato “Communists – L’accordo tra il Pci e lo spionaggio Usa 1943-1945”: è la ricostruzione di un capitolo scottante e volutamene lasciato in ombra della guerra in Italia, di cui tadolini opfffre per la prima volta un quadro completo grazie anche ai documenti desecretati in tempi recenti dalla Cia.

L’incontro, dicevamo, è a voci per così dire divergenti: con l’autore parlano di “Communists” lo storico Paolo Pisanò, che col fratello Giorgio scrisse fra l’altro un trattato memorabile, il Triangolo della Morte, sulla politica stragista in Emilia alla fine della guerra, e l’avvocato Vainer Burani, esponente di spicco della sinistra reggiana, impegnato anche nella difesa di militanti internazionali come il leader del Pkk  Ocalan.  Modera Federica Prati della Voce di Reggio.

Copie di Communists, pubblicato dalle edizioni del Veltro di Mutti a Parma

Copie di Communists, pubblicato dalle edizioni del Veltro di Mutti a Parma

La presentazione è organizzata  da Centro Studi Italia, associazione Pietro e Marianna Azzolini e associazione Dea Minerva.

“Communists” , edito dalle Edizioni all’insegna del Veltro di Parma,  ricostruisce l’operazione dei servizi segreti Usa, l’Oss, durante la Seconda Guerra Mondiale, consistente in un accordo coperto con il Pci di Togliatti che veniva direttamente coinvolto nell’organizzazione nordamericana della guerra partigiana. Un accordo mai denunciato dal Pci ed emerso solo recentemente in conseguenza della desecretazione di documenti CIA.

L’operazione dei servizi segreti Usa con il Pci viene ad avere importanti passaggi anche nel territorio reggiano, dove esponenti comunisti partigiani come Didimo Ferrari e Riccardo Cocconi si trovano  coinvolti nelle operazioni dei servizi segreti Usa nella guerra partigiana.

Un capitolo è dedicato anche anche a Ciano d’Enza che avrebbe rischiato un bombardamento a tappeto Usa richiesto dai partigiani nell’ambito dell’accordo segreto in essere fra il Pci e l’Oss. Il libro studia la vicenda nella sua ampiezza sul territorio nazionale, ricostruendo l’impatto che l’accordo tra Pci e servizi segreti Usa ebbe sui passaggi fondamentali della guerra partigiana, dall’attentato in via Rasella alla strage della Malga di Porzus, al problema dell’egemonia comunista nell’Appennino, in Piemonte e sul confine orientale.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *