Festa della Polizia, il questore non snocciola le cifre
“Reati in calo, ma rispetto per i cittadini colpiti”

10/4/2018 – “La tradizione vuole che a questo punto il questore presenti le cifre dell’anno trascorso. Io invece ho scelto di citare le statistiche, non perchè i risultati non siano più che soddisfacenti, ma perchè vi è sempre una discrepanza tra i dati positivi di contrasto alla criminalità e la percezione della sicurezza da parte dei cittadini. Ciò anche per il rispetto che dobbiamo portare verso chi è colpito da un furto o da una truffa, e la cui percezione non è certo quella delle statistiche”.

REGGIO FESTA DELLA POLIZIA

Il questore Antonio Sbordone

E’ andato controcorrente, questa mattina alla sala degli Specchi del teatro Valli, il questore di Reggio Emilia Antonio Sbordone nel suo discorso per il 166% anniversario di fondazione della Polizia. Sbordone si è dichiarato soddisfatto perché “le innumerevoli operazioni compiute” e l’impegno di tutto il personale – dalla Mobile all’anticrimine, dalla Stradale all’ufficio immigrazione, dal reparto prevenzione crimine alla polizia ferroviaria sino ai settori amministrativi – “hanno dato buoni frutti.

LA PREMIAZIONE DEGLI AGENTI CHE HANNO SGOMINATO LA BANDA DEI SUPERMERCATI

LA PREMIAZIONE DEGLI AGENTI CHE HANNO SGOMINATO LA BANDA DEI SUPERMERCATI

“I reati sono in calo in tutti i settori, e per questo possiamo dirci soddisfatti, anche se per altri versi vi sono margini di miglioramento. I furti sono diminuiti del 13,5%, ma è chiaro che per un cittadino che ha avuto i ladri in casa questa statistica non significa molto”. Sbordone ha così voluto sottolineare come la sicurezza vada affrontata come un problema a trecentossessanta gradi, sociale e individuale allo stesso tempo, in cui realtà e percezione rappresentano due facce della stessa medaglia.

festa pol 5

Il questore ha sottolineato, fra l’altro, l’ottima conduzione dei servizi in occasioni delle partite dei campionati maggiori e dei tornei internazionali, dove non si sono verificati incidenti di rilievo. Ha insistito nel dialogo con i cittadini, nel conquistare la fiducia della comunità reggiana, nell’abbattere gli steccati tra pubblico e privato. La collaborazione con spirito di solidarietà (anche in riferimento alla questione immigrati), la sicurezza “partecipante”, le campagne contro le truffe, il contrasto ad alcol e droga, contro la violenza sulle donne sono altrettanti temi toccati dal responsabile dell’ordine pubblico come grandi direttrici d’intervento anche per l’anno in corso, dove non manca del resto un forte contrasto al traffico di droga.

La Giulietta della Squadra Mobile anni 50

La Giulietta della Squadra Mobile anni 50

Numerosi i premi, encomi e lodi, consegnati nel corso della cerimonia. Premiati fra gli altri cinque poliziotti che nel 2016 hanno assicurato alla giustizia i banditi dei supermercati, responsabili di almeno nove rapine. Tre ottimi cantanti dell’istituto Peri, accompagnati al pianoforte, hanno eseguito come intermezzo un’aria da Così fan tutte di Mozart e alla fine hanno interpretato l’Inno di Mameli.

La camera iperbarica mobile del Cnes di Spezia

La camera iperbarica mobile del Cnes di Spezia

All’esterno , davanti al teatro, in esposizione un acquascooter e la sala iperbarica mobile del centro sommozzatori della Polizia, il leggendario Cnes della Spezia protagonista di  imprese straordinarie a centinaia di metri di profondità. Ammiratissima anche una Giulietta nera fine anni 50 della Squadra Mobile.

L'acquascooter del Cnes

L’acquascooter del Cnes

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *