25 Aprile a Reggio Emilia nel ricordo delle leggi razziali
Corteo e comizio del governatore Bonaccini
E il sindaco Vecchi attacca il revisionismo dopo aver elogiato il Chi Sa Parli

24/4/2018 – Le istituzioni Reggiane dedicano questo 25 aprile all’80mo della promulgazione delle leggi razziali dal parte del regime fascista e della monarchia. Interviene il presidente della Regione Stefano Bonaccini.

Mercoledì 25 aprile alle 10,30 messa nella Basilica della Ghiara in suffragio dei Caduti, alle 11,15 corteo da corso Garibaldi sino a piazza Martiri del 7 Luglio  dove verrà deposta una corona al monumento dei Caduti della Resistenza e di tutte le guerre.

Alle ore 11.30, nella stessa piazza Martiri del 7 Luglio, gli interventi del sindaco Luca Vecchi, del presidente della Provincia Giammaria Manghi, di Ermete Fiaccadori presidente Anpi, di Stefano Bonaccini presidente della Regione Emilia Romagna e la testimonianza di studenti che hanno partecipato al Viaggio della Memoria 2018.

Da notare che tutti gli oratori sono di una sola parte politica, nonostante fra gli organizzatori figurino anche i partigiani cattolici, l’ufficio scolastico provinciale – che è un organismo statale  -e le tre centrali sindacali  Cgil, Cisl e Uil .

Nel presentare il programma, il sindaco Luca Vecchi ha ancora una volta dato sfoggio di settarismo non solo non dedicando una sola parola al tema della riconciliazione sollevato dalla Chiesa con la messa di San Valentino (dove la figlia di uno degli assassini ha chiesto perdono ai parenti del beato Rolando Rivi) e con la lettera appello di don Eugenio Morlini, ma sottolineando come le commemorazioni avvengano anche “contro ogni forma di revisionismo”, assimilando così il legittimo revisionismo storico alla “dimenticanza”. E ciò dopo aver pronunciato l’orazione funebre davanti alla bara di Otello Montanari, elogiando il suo Chi Sa Parli. La coerenza, evidentemente, non è una virtù.

“Celebriamo  il 25 aprile con spirito attento e con coscienza vigile – ha aggiunto il sindaco di Reggio Emilia –  E’ sufficiente non voltare lo sguardo colpevolmente davanti a episodi sempre più frequenti in Italia, ma anche in Europa, per dover constatare come i ‘sostenitori’ di nuove forme di discriminazione, razzismo e fascismo abbiano rialzato la testa e cerchino di imporsi nel dibattito pubblico. Contro tutti costoro Reggio Emilia, città Medaglia d’oro della Resistenza, non abbasserà mai gli occhi. Un impegno, il nostro, che si sostanzia tutto l’anno, attraverso i Viaggi della Memoria, il lavoro nelle scuole e nei luoghi di confronto politico e democratico, nell’attività quotidiana dell’istituzione pubblica”.

A Reggio Emilia, il momento centrale del 73° anniversario della Liberazione sarà la giornata di mercoledì 25 aprile, che verrà aperta alle ore 10.30 dalla messa celebrata nella Basilica della Ghiara in suffragio dei Caduti. Alle 11.15, un corteo partirà da corso Garibaldi in direzione di piazza Martiri del 7 Luglio, dove verrà deposta una corona al monumento dei Caduti della Resistenza e di tutte le guerre.

Queste le altre celebrazioni a Reggio Emilia

24 aprile, ore 9.30, Scuola Ghiarda, via Ghiarda 28

Commemorazione Caduti Ghiarda

Corteo dalla scuola Ghiarda al cippo dei caduti

Promossa da Associazioni Partigiane, Istoreco e Scuola Primaria della Ghiarda

ore 10

Partenza da Vezzano, parco Paride Allegri

Sentieri Partigiani. La Liberazione di Reggio Emilia

Percorso con partenza da Vezzano fino a piazza Martiri 7 Luglio

Promosso da Istoreco, ANPI e Uisp

ore 16.30

Sagrestia di San Pellegrino, via Tassoni 2

Inaugurazione della mostra permanente su Don Pasquino Borghi e la via delle canoniche

Promossa da Istoreco e Parrocchia San Pellegrino

24 aprile, ore 18

Polo archivistico, Chiostri di San Domenico, via Dante Alighieri 11

Intitolazione del Polo archivistico allo storico Marco Paterlini. Promosso da Istoreco e Comune di Reggio Emilia

25 aprile, ore 9.40

Commemorazione monumento Caduti di Villa Ospizio

Promosso da Associazioni Partigiane e Parrocchia S. Francesco da Paola

ore 10, Chiesa parrocchiale di Villa Cella

Santa Messa

ore 11.30, Cella – ex Cooperativa via Cella all’Oldo

Commemorazione con corteo al monumento ai Caduti di via Cella all’Oldo

Promossa da Comitato per le Celebrazioni del 25 Aprile di Cella

25 aprile

ore 10.15, Baracchina di Pietro, piazzale Lepanto – San Pellegrino

ore 10.45, Palazzo Allende, Corso Garibaldi

Resistere Pedalare Resistere, percorsi di Liberazione. Biciclettata fino a Casa Cervi

Promossa da Fiab Reggio Emilia Tuttinbici e Anpi

27 aprile, ore 20.30

Spazio culturale Orologio, via Massenet 17/a

Incontri. Personaggi verso la Liberazione’. Storie di personaggi che vi raccontano momenti di vita e liberazione.

Evento su prenotazione: 0522 585396

Promosso da Spazio culturale Orologio-Officina educativa e scuola secondaria di I grado Fontanesi

28 aprile, ore 10

Biblioteca Marco Gerra San Pellegrino, via Rivoluzione d’Ottobre 29

Proiezione film ‘La rugiada di San Giovanni’ sull’eccidio della Bettola

Con la presenza di Liliana Del Monte (superstite) e di Christian Spaggiari (regista)

Promosso da Anpi San Pellegrino e Biblioteca Marco Gerra San Pellegrino

4 maggio, ore 10

Villa Erica, via Samoggia 38

I bombardamenti delle Officine Reggiane e la resistenza operaia

Alla presenza di Michelel Bellelli (Istoreco) con la partecipazione di alunni e

insegnanti della Fondazione Enaip ‘Don Magnani’

Promosso da Istoreco e Asp Città delle persone

20 maggio, ore 7.30

Chiesa di San Nicolò, Cavriago

Raduno ‘I Giusti del ciclismo’, percorso da Cavriago a Quara di Toano

Promosso da Istoreco e Uisp

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *