Produzione manifatturiera, 2017 chiuso col botto: +5,5% fra ottobre e dicembre

12/3/2018 – E’ andata via via crescendo e si è rafforzata, nel corso del 2017, l’incremento della produzione manifatturiera reggiana, con un trend che pare destinato a confermarsi anche nei primi tre mesi del 2018.

Dopo il +2,9% registrato all’inizio del 2017, l’aumento produttivo calcolato rispetto allo stesso periodo dell’anno si è attestato al 3,2% nel secondo trimestre, al 4,2% nel terzo, fino a raggiungere il 5,5% del periodo ottobre-dicembre.

Una progressione che, anche per il primo scorcio del 2018, induce gli imprenditori ad un cauto ottimismo, come emerge dalle interviste e dalle analisi dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio sulle previsioni relative all’andamento congiunturale dell’industria manifatturiera reggiana.

“Seppure con intensità differenti per i principali indicatori del settore manifatturiero (produzione, fatturato e ordinativi), le previsioni, in sostanza, sono orientate alla crescita – rileva una nota camerale.

Nel quaerto trimestre 2017 L’industria metalmeccanica e quella delle materie plastiche, in particolare, hanno registrato incrementi annuali rispettivamente dell’8,9% e del 5,8%, seguite dal +2,8% delle industrie elettriche ed elettroniche e dal +2% del tessile-abbigliamento; in crescita dell’1,7%, inoltre, le “altre industrie manifatturiere”. Più contenuti, ma sempre con il segno più, gli andamenti del settore ceramico e l’alimentare, in crescita entrambi dell’1,1%.

In un anno il fatturato è cresciuto complessivamente del 6,6% proprio grazie all’andamento del mercato estero, per il quale si è osservato un incremento degli ordinativi oltre frontiera del 2,2%, trainato dall’elevata propensione all’esportazione della metalmeccanica: nel trimestre in esame questo comparto ha infatti registrato un incremento del fatturato del 9,8%.”

“L’aumento del fatturato è largamente superiore a quello degli ordini – rileva  il presidente della Camera di Commercio, Stefano Landi – ed è  un dato estremamente positivo, perché conferma, ancora una volta, la competitività e l’apprezzamento dei prodotti dell’industria manifatturiera reggiana sui mercati internazionali”.

“Sempre in tema di export, sono apparsi in crescita, anche se con andamenti differenziati, tutti i settori dell’economia reggiana: rispetto all’analogo trimestre del 2016, il ceramico è il comparto che ha registrato l’incremento più contenuto (+0,5%).

Positivo anche l’andamento degli ordinativi totali, per i quali si registra una crescita del 3,9%.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *