Anziani picchiati nella rsa: dov’erano i controlli? Forza Italia punta il dito sul comune di Correggio e sull’Ausl

31/3/2018 – Gli orrori nella rsa comune di Correggio. Il consigliere comunale Gianluca Nicolini, coordinatore provinciale di Forza Italia, punta il dito sull’amministrazione comunale PD guidata da Ilenia  Malavasi, che è anche vicepresidente della provincia, e sulla mancanza o inefficacia dei controlli. Nicolini parla di eccessiva fiducia accordata dal comune proprietario a Coopselios che getisce la struttura da vent’anni. 

Lesioni inferte agli ospiti della casa di riposso


Lesioni inferte agli ospiti della casa di riposo


” Il quadro di maltrattamenti e violenze portato lla luce dagli inquirenti e è di una gravità inaudita – dichiara Nicolini – Al netto delle responsabilità personali di quanti sono stati coinvolti nelle indagini, è del tutto evidente che una simile situazione ha trovato terreno fertile nell’eccessiva fiducia accordata dal Comune di Correggio alla
coperativa sociale che dal 1998 gestisce la struttura. 
file 001
Dalle dichiarazioni del sindaco Malavasi si è appreso che solo lunedì scorso si era svolto uno dei periodici controlli sulla strutta. E’ lecito chiedersi come sia stato possibile che nessuno di questi controlli abbia mai raccolto anche la minima evidenza di quanto stava accadendo? – domanda il consigliere –  Con quali parametri si è mantenuto un servizio di primaria necessità in mano ad una coperativa senza effettuare verifiche “a sorpresa”  per valutare l’effettiva qualità della gestione o, come purtroppo è accaduto, la presenza di illeciti, facendo quello che normalmente avviene nei cantieri edili o in altri settori produttivi privati?” 
Nicolini chiede ” la convocazione d’urgenza della commissione consigliare affari sociali alla presenza dei vertici di Coopselio,s dei responsabili dei servizi sociali dell’Unione dei comuni e dell’Asl per dare al Consiglio Comunale e alla cittadinanza le risposte che attendono”. 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *