Minaccia di morte e resiste ai carabinieri: arrestato ieri, è tornato subito in libertà

19/1/2018 – Minaccia di morte e oppone resistenza ai Carabinieri: arrestato ieri, questa mattina il giudice di Reggio lo ha subito rimesso in libertà. L’episodio è avvenuto ieri a Gualtieri: l’arrestato, beneficiato della mano larga della legge,  ha 27 anni ed è il fratello di un ragazzo che intorno alle 13 di giovedì, alla vista di una pattuglia dei carabinieri,  ha gettato a terra un frammento di sostanza resinosa che recuperata dai militari è risultato essere un sassolino di quattro grammi di  hascisc. Il giovane è stato sottoposto alle consuete procedure di identificazione per la segnalazione alla Prefettura, e nel frangente si è avvicinata la mamma, che vive poco lontano, mettendosi a inveire contro i carabinieri . Poi è arrivato  “con fare minaccioso e aggressivo”, il fratello del fermato che ha lanciato insulti e minacce di morte contro i carabinieri, rifiutandosi di mostrare i prorii documenti e allontanandosi verso il cortile di casa.

A quel punto i Carabinieri lo hanno invitato a seguirli in caserma, ma l’uomo  ha continuato a offendere, minacciare e a opporre resistenza. C’è voluta mezz’ora buona per farlo salire nella gazzella: alle 13,30, condotto in caserma intorno alle 13,30 di ieri,18 gennaio,  è stato arrestato per resistenza, oltraggio a pubblico ufficiale e rifiuto a declinare le proprie generalità. Questa mattina condotto davanti al tribunale di Reggio Emilia, dopo la convalida dell’arresto, è stato scarcerato in attesa del processo fissato per il prossimo 26 febbraio. Il fratello trovato con lo stupefacente veniva invece segnalato in via amministrativa alla Prefettura per detenzione per uso personale non terapeutico di sostanze stupefacenti.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *