Made in Italy di Ligabue nei cinema dal 25 gennaio
Prenotazioni aperte al Novecento di Cavriago

12/1/2018 – È imminente l’uscita dell’ultimo film di Luciano Ligabue. Si tratta della terza pellicola diretta dal cantante correggese che ha scelto  Reggio Emili, per alcune delle scene principali del film che ha come protagonisti Kasia Smutniak e Stefano Accorsi.

Quest’estate sono stati molti i reggiani incuriositi quando Ligabue ha girato in centro storico e in provincia, da Correggio a Novellara, fino alle campagne di San Martino in Rio. Un film che, ricordiamo, è prodotto da Domenico Procacci per Fandango e distribuito da Medusa Film. UCome è stato detto più volte,  una dichiarazione d’amore di Ligabue verso il suo Paese, raccontata attraverso la figura di Riko interpretato da Accorsi

“Made in Italy” uscirà nelle sale il 25 gennaio E nella nostra provincia sono già partite le prevendite dei bigliettiIl Novecento di Cavriago ha aperto le prevendite in questi giorni: ci sono già diverse prenotazioni e richieste di informazioni, tanto che il cinema di via del Cristo ha già stabilito una proiezione anche il 26 gennaio (per info e costi: www.multisala900.it).

made in italy

Come ha sottolineato Ligabue, “il film parte dall’album Made In Italy, in realtà si sviluppa in una storia molto più complessa e articolata con molti più personaggi, però insomma il disco resta lo specchio fedele di una buona parte del film”. È la storia di Riko, un uomo onesto che vive di un lavoro che non ha scelto nella casa di famiglia che riesce a mantenere a stento. Ma può contare su un gruppo di amici veri e su una moglie che, tra alti e bassi, ama da sempre. Suo figlio è il primo della famiglia ad andare all’università. È però anche un uomo molto arrabbiato con il suo tempo, che sembra scandito solo da colpi di coda e false partenze.  Quando perde le poche certezze con cui era riuscito a tirare avanti, la bolla in cui vive si rompe e Riko capisce che deve prendere in mano il suo presente e ricominciare, in un modo o nell’altro. E non darla vinta al tempo che corre.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *