Lentigione, il governo si è svegliato
Dieci milioni per le zone alluvionate

30/12/2017 – Arrivano i primi 10 milioni di euro per i territori di ParmaReggio Emilia e Modena colpiti dall’8 al 12 dicembre dalle esondazioni di fiumi e corsi d’acqua e per il gelicidio nelle zone appenniniche da Piacenza a Forlì-Cesena. Il Consiglio dei ministri ha accolto oggi, con considerevole ritardo sulla tabella di marcia,  la richiesta di stato di emergenza nazionale presentata due settimane fa dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. La zona è più colpita, è noto, è Lentigione di Brescello, con duemila sfollati per alcuni giorni e gravi danni alla zona industriale, in particolare allo stabilimento Immergas.

Ai fondi nazionali si aggiungono i 2 milioni di euro stanziati dalla Regione all’indomani dell’alluvione e del gelicidio per una somma complessiva di 12 milioni che saranno utilizzati per le somme urgenze.

“ Era fondamentale avere subito una risposta da parte del Governo e contare sui primi fondi certi prima della fine dell’anno per superare la fase di urgenza. Un grazie al Consiglio dei ministri e al premier Gentiloni per aver rapidamente accolto la richiesta di stato di emergenza – ha diochiarato ieri sera l’assessore regionale Paola Gazzolo –  E un grazie al Dipartimento nazionale di protezione civile per l’istruttoria rapida e puntuale che ha svolto in tempi brevissimi. L’arrivo delle risorse è un segnale importante. Ora il nostro impegno proseguirà senza sosta: vogliamo mettere in sicurezza i territori, far rientrare le persone nelle loro case e far ripartire le imprese, a cominciare dalle più piccole che sono legate strettamente alla vita delle comunità. Saremo ancora al fianco dei cittadini e di tutti i soggetti colpiti, avviando la ricognizione dei danni a privati e attività produttive, necessaria per i successivi risarcimenti”.

L'allargamento di Lentigione provocato dall'Enza

L’allargamento di Lentigione provocato dall’Enza

Nel frattempo, superata la fase di gestione della prima emergenza, come avviene sempre in questi casi si sta approfondendo e analizzando nei dettagli quanto successo. Nei giorni scorsi, in Regione, si è già tenuto un primo incontro a cui, oltre all’assessore Gazzolo, hanno partecipato tutti gli enti competenti sia per la previsione e l’allertamento di protezione civile sia per la gestione del reticolo idrografico locale, in particolare del fiume Enza e dei suoi argini: AipoAgenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civileServizio regionale di Difesa del suoloArpaeConsorzi di Bonifica ed Autorità di bacino distrettuale del fiume Po. La relazione finale servirà ad avere in mano gli elementi necessari a rafforzare la prevenzione e innalzare i livelli di sicurezza, con l’obiettivo di ridurre il più possibile i rischi di veder ripetersi tali eventi.

Si tratta di un provvedimento importante per accelerare ulteriormente i tempi ed aumentare le risorse disponibili per permettere alla comunita’ civile ed economica di Lentigione di ripartire”. E’ il commento del presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi, alla luce dello stato di emergenza decretato dal Consiglio dei ministri per le zone alluvionate dell’Emilia-Romagna, tra cui Lentigione di Brescello. “L’impegno del Governo ed in particolare del presidente Paolo Gentiloni, che avremo modo di incontrare in occasione della festa del Tricolore, si somma a quello della Regione e del governatore Bonaccini immediatamente attivatisi per assistere il nostro territorio, stanziando un primo fondo di 2 milioni per le urgenze e dando la disponibilita’ anche a sostenere le piccole attivita’ commerciali per l’immediata ripartenza”, afferma Manghi. Manghi ricorda inoltre il “prezioso contributo gia’ assicurato al tessuto imprenditoriale attraverso il tavolo costituitosi in Provincia e la macchina della solidarieta’ che le istituzioni locali hanno messo da subito in moto e che, grazie alla generosita’ dei reggiani, sapra’ fornire un ulteriore aiuto concreto agli abitanti di Lentigione”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *