“Multe ingiuste ai minorenni su bus e treni”: insorge Confconsumatori
“Ma la sinistra non riesce a governare diversamente?”

11/11/2017 – Troppi minorenni multati ingiustamente sugli autobus Seta e i gtreni delle ferrovie locali?
Confconsuamtori, l’associazione di tutela guidata a Reggio da Secondo Malaguti, scrive una lettera aperta alla direzione dell’azienda trasporti Seta e all’assessore comunale Mirko Tutino per chiedere di “annullare le sanzioni emesse e a restituire le multe incassate”.

Confconsumatori parla di “stupidità e banalità” a solo scopo punitivo. si riferisce in particolare a una ragazzina multata perché aveva il “biglietto sbagliato” e a,tri due giovanissimi colpiti senza pietà perché l’obliteratrice in stazione era guasta.

In entrambi i casi sono intervenuti controllori esterni, non dipendenti diretti di Seta, in entrambi i casi anche se i ragazzi avessero ragione le pratiche per i reclami e i rimborsi comporterebbero una perdita di tempo tale da rendere svantaggiosi ricorsi e reclami finalizzati ai rimborsi.

bus seta

Scrive Secondo Malaguti: “Da diverso tempo (come ci riferiscono diversi cittadini e come, di tanto in tanto, riprende la stampa) vengono date sanzioni per stupidità e banalità tali che non hanno nessun supporto tecnico giuridico ma sostenute solo da regolamenti sanzionatori ove prevale la sindrome del desiderio di punire anziché l’impegno finalizzato ad educare tanti giovanissimi ragazzi che vivono (senza colpe) il grave problema dei trasporti pubblici. E’ incredibile ma, un’amministrazione pubblica, che vuole essere democratica – aggiunge il presidente di Confconsumatori –  pare che non riesca scrollarsi di dosso le scelte più odiose che non siano quelle della “punibilità a tutti i costi” di sanzionare. Infatti, con 66,00 euro una ragazzina minorenne è stata sanzionata solo perché aveva un “biglietto sbagliato”. A parere di chi scrive si tratta di un provvedimento assurdo e senza logica ma il sistema trasporti locale è anche questo”.

Secondo Malaguti, Confconsumatori Reggio Emilia

Secondo Malaguti, Confconsumatori Reggio Emilia

Abbiamo già sollevato all’azienda pubblica dei trasporti locali su rotaia un analogo problema (due ragazzini minorenni non avevano potuto obliterare i due biglietti, alla stazione ferroviaria, perché la macchinetta obliteratrice era rotta) e per questo sono stati ingiustamente multati. La nostra critica è servita, giustamente, a riconoscere l’errore compiuto e a restituire, alle famiglie dei due ragazzini, gli importi delle due multe commissionate”.

E cobnclude: “Alla luce di questo positivo esempio si chiede che “SETA” provveda, nel caso in questione sollevato, come in tutti i casi analoghi, ad annullare le sanzioni emesse e a restituire le multe incassate. Se tale provvedimento venisse assunto, si tratterebbe di un gesto corretto, doveroso e intelligente che porrebbe “riparo” ad atti odiosi e amministrativamente non comprensibili.

Ma, infine, viene da chiedersi: questa “macchina pubblica”, e di sinistra, non riesce a governare diversamente? E’ mai possibile assistere ad un così precario livello morale?”. 

Condividi

Una risposta a 1

  1. Ivaldo Casali Rispondi

    11/11/2017 alle 17:44

    Intervento opportuno e condivisibile! Purtroppo per la sinistra cattocomunista è più importante approvare lo “ius soli” e il provvedimento che vieta gli “accendini” raffiguranti il Duce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *