Marocchino ubriaco fa la malora in ospedale: arrestato, ha un malore in cella

5/9/2017 –  Colto da malore è stato soccorso dai sanitari e dai carabinieri che dopo averlo lasciato in ospedale, sono dovuti tornare per ripristinare l’ordine in quanto l’uomo, in evidente stato di ubriachezza, oltre a rifiutare le cure sanitarie stava creando disordine e disturbo all’interno dell’ospedale.

Alla vista dei militari, gli stessi poco prima l’avevano soccorso, l’uomo è andato su tutte le furie sputando ai carabinieri  e aggredendoli con furia: uno è stato curato al pronto soccorso per contusioni guaribili in sette giorni.   Con le accuse di resistenza, violenza a pubblico ufficiale e lesioni, i carabinieri della stazione di Bagnolo in Piano hanno arrestato marocchino Youness ABOULOUFA EL IDRISSI 37enne disoccupato residente a Correggio.

Dopo , l’arresto però, l’uomo è tornato in ospedale: in tarda mattinata è stato colto da malore in una delle camere di sicurezza dei Carabinieri di Corso Cairoli, dove era stato rinchiuso in attesa del processo per direttissima fissato per domani a Reggio.

E’ stato soccorso dai sanitari del 118, allertati dal militare di servizio accortosi del malore. Dopo le prime cure praticate sul posto, veniva trasportato all’Ospedale di Reggio Emilia.

Già questa mattina il marocchino, completamente ubriaco si era sentito male ed era stato soccorso dal 118 e da una pattuglia dei carabinieri di Bagnolo, ed è stato portato all’ospedale di Correggio. Gli stessi carabinieri sono dovuti però tornare al pronto soccorso di Correggio su richiesta dei sanitari  in quanto il paziente , oltre a rifiutare le prestazioni mediche era andato in escandescenze creando disordine nei reparti del San Sebastiano. Ma l’uomo ha perso il lume della ragione: ha sputato addosso ai militari e li ha aggrediti. Solo l’arrivo di un’altra pattuglia ha permesso l’arresto dell’uomo, condotto in caserma e poi rinchiuso in cella, dove si è di nuovo sentito male.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *