Truffe agli anziani: denunciato falso maresciallo di Cuneo e suo figlio

22/8/2017 – Il papà, spacciandosi per Maresciallo dei carabinieri, si è presentato presso l’abitazione di una coppia di anziani per derubarli mentre il figlio a bordo di un’autovettura con targa clonata l’attendeva all’esterno.

Il falso maresciallo, secondo un canovaccio purtroppo frequente, ha convinto i due  i due anziani a riporre i loro averi nel freezer. Il malvivente avrebbe dovuto arraffarli al momento opportuno, ma i suoi piani sono stati rovinati dall’arrivo del figlio dell’anziana coppia: al truffatore è bastato vederlo per scappare a gambe levate e infilarsi nella Golf guidata dal figlio, partita a tutto gas.

Ora i due spregevoli malviventi, grazie a una complessa attività d’indagine sono stati identificati e denunciati dai carabinieri della stazione di Guastalla. Si tratta di un 60enne e del figlio 38enne, entrambi di Cuneo, che devono rispondere di concorso in tentato furto aggravato e uso di atto falso (nello specifico di una targa clonata applicata all’auto).

Lo scorso 30 maggio, intorno alle 14  uno sconosciuto ha suonato alla porta dei due anziani spacciandosi per un maresciallo dei carabinieri. Nella circostanza il delinquente l’ha sparata particolarmente grossa, spiegando che avrebbe dovuto verificare l’ eventuale presenza di uranio nell’acqua, e in tal modo ha indotto gli anziani mettere nel freezer denaro e preziosi. Come detto il colpo non è riuscito per l’arrivo non previsto del figlio delle vittime.  Tuttavia i carabinieri della stazione di Guastalla hanno concentrato le loro attenzioni  su un 60enne e su suo figlio, entrambi con precedenti specifici, raccogliendo a loro carico le prove che hanno portato alla denuncia alla Procura reggiana.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *