Terrorizza e pesta la moglie davanti al figlioletto: arrestato operaio di 40 anni

25/8/2017 – Ossessionato dalla gelosia un uomo ha martirizzato la moglie,  una operaia di 33 anni, che per mesi ha subito offese, gravi minacce e da violenze anche davanti al figlio piccolo della coppia.

L’ultimo episodio ha provocato ieri l’arresto del marito violente, un operaio di 40 anni abitante in Val d’Enza, da parte dei carabinieri della stazione di San Polo d’Enza: l’accusa è di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali .

La donna, costretta a ricorrere ai medici del pronto soccorso dell’ospedale Franchini di Montecchio,  è stata dimessa con una prima prognosi di 7 giorni per le lesioni riportate agli arti a seguito del pestaggio subito davanti al bambino.

La donna, terrorizzata, non aveva mai trovato la forza di raccontare e denunciare le continue minacce, offese e percosse subite dal marito. Ma ieri mattina sbattuta con il figlio fuori casa, dopo l’ennesimo episodio, ha chiamato i carabinieri rivelando quanto subiva da anni.

I militarim sono intrervenuti alle 10 nella casa della coppia, a seguito della richiesta di soccorso da parte della donna che era nel cortile di casa insieme al bambino. Aveva grossi ematomi al braccio sinistro che le aveva causato il marito. Questi, per nulla pentito della condotta violenza, ha detto  di essere certo che lei lo tradisse,e quindi  aveva deciso di sbatterla fuori di casa.  Anche davanti ai Carabinieri ha continuato a offendere pesantemente la donna anche con minacce di morte qualora avesse chiamato nuovamente i carabinieri.

A quel punto veniva portato in caserma, mentre la donna andava in ospedale. Oltre alla denuncia della vittima che ha ripercorso nel dettaglio i maltrattamenti subiti da tempo, i carabinieri hanno raccolto ulteriori elementi e testimonianze a conferma di quanto riferito nella denuncia.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *