Siccità, stragi di pesci nei torrenti. Appello Legambiente

IMG-20170802-WA0001

4/8/2017 – Molti corsi d’acqua, a causa della siccità, sono ormai sotto il minimo vitale. Le segnalazioni di pesci morti si moltiplicano, tanto che Dino Vecchi, a nome di Legambiente Val D’Enza, ha scritto alla protezione civile e al presidente della Regione per chiedere “un intervento urgente di recupero dei pesci vivi, al fine di evitare il maltrattamento e di evitare il depauperamento delle popolazioni ittiche che sono all’interno della Direttiva Habitat e per quelle che sono inserite nella CITES e di recupero dei pesci morti al fine di evitare pericolo per la salute pubblica”. Vecchi ha diffuso  una serie di fotografie di morie di pesci nel Tassobbio, in locali Ariolo, dove il corso è ormai è ridotto a poche pozzanghere.

IMG-20170802-WA0002

IMG-20170802-WA0003

Moria di pesci nel Tassobbio

IMG-20170802-WA0004

Legambiente domanda anche se la Regione abbia predisposto un piano per il recupero dei pesci in difficoltà e se sia “in corso  un controllo sui prelievi dai corsi d’acqua”.

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *