“Reggio Children, intollerabile la censura del Pd a Crepet”

di Giuseppe Pagliani*

Come da antica tradizione non propriamente liberale  il  partito comunista MDP si stupisce come , dal prestigioso  palco della festa del partito , un ospite abbia avuto  l’ardire di esprimere liberamente il proprio pensiero senza incorrere nell’immediata censura e conseguente espulsione dal dibattito.

L’ autorevole  psichiatra  Crepet  , dipinto da Tutino come un guitto da avanspettacolo ,  ha infatti osato avanzare dubbi sulla odierna  validità del modello educativo Reggio Children ,  a suo dire troppo ancorato al passato e poco attento all’innovazione.

Una critica ad un dogma inscalfibile della sinistra reggiana , la quale erroneamente considera Reggio Children  il suo  successo politico  più spendibile mediaticamente.

L’On. Vanna Iori  ,  omettendo di  additare il Prof. Crepet quale eretico azionando così l’immediata scure della censura ,   ha scatenato  le ire dell ‘MDP , innescando  così  l’ennesimo  contrasto fra loro e   il PD reggiano che si è schierato dalla parte dell’Onorevole.

Per gli esponenti dell’ MDP quindi  non esercitare la censura , anche preventiva (irresponsabile invitare Crepet) ,  è un sintomo di  debolezza ;  questo è il modus operandi  di una parte politica che governa il Comune di Reggio Emilia , questo è il dato più preoccupante dell’intera vicenda.

Il PD reggiano  intervenga presso i suoi alleati  per evitare il  ripetersi di tali comportamenti   in quanto   la  censura delle opinioni altrui non è tollerabile  in democrazia.

*Capogruppo Forza Italia Reggio Emilia

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *