Non se ne può più Africano rapina il cellulare a bimbo di 7 anni e gli schiaccia il piedino con la bici

28/8/2017 – Incredibile aggressione ieri pomeriggio a Corticella di Villa Bagno: un nordafricano in bicicletta ha cercato di rapinare il cellulare a un bambino di sette anni, e per prenderlo ha bloccato il piccolo schiacciandogli il piedino con la ruota della bici. I Carabinieri sono intervenuti sul posto, su segnalazione dei cittadini che si sono mobilitati per tutto il pomeriggio sino a sera per cercare di rintgracciar l’autore della rapina ai danni del bambino. Un testimone del fatto ha scritto al comitato Bagno Sicura,  che ieri sera ha diffuso la mail ai media reggiani.

Ecco la testimonianza:

Oggi (domenica) verso le 15,30, mia figlia 10 anni era insieme a due sue amichette e il fratellino di 7 anni di una di loro. Si è  avvicinato un sedicente Nordafricano in bicicletta che ha cercato di sfilare il telefono al bimbo, schiacciandogli il piede  con una ruota.

Per fortuna niente di grave, e il telefono gli è  caduto dalle mani. Lo abbiamo cercato per tutta la frazione, ma non lo abbiamo trovato.

Nel frattempo  abbiamo allertato le Forze dell’Ordine, le quali, sono arrivate tempestivamente.”
Commenta il Comitato Bagno Sicura: “Considerato l’aumento di preoccupanti episodi nelle nostre frazioni, desideriamo nuovamente sottolineare quanto sia importante l’ascolto da parte delle amministrazioni e delle cooperative” che gestiscono l’accoglienza dei richiedenti asilo.
“Auspichiamo al più presto un dialogo e un confronto per ottenere risposte chiare ed esaustive per i cittadini”.
Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Alessandro Davoli Rispondi

    28/08/2017 alle 19:51

    Legnate senza remissione, un manico sano di piccone va benissimo. Interrompere la cura vigorosa quando il manico si rompe … ossa rotte, sangue … sono lezioni di vita sul campo. Ohi, vedrai come il sedicente profugo, la preziosa risorsa, impara … alla velocità della luce. Cura da concludere con un immediato rimpatrio … o no? Lo chiedo al Presidente della provincia e alla casta politico-cooperativa-governativa che succhia i soldi pubblici senza saper amministrare un beato c…. (termina con … azzo!)
    Saluti calorosi … se incontrassi una situazione simile, niente denuncia … non parole, ma fatti. Lo dice anche il Vangelo.
    Alessandro Davoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *