Ma che fatica educare al tempo del web
Paolo Crepet officia a FestaReggio

26/8/2017 – “Il coraggio di educare al tempo del web” è il tema dell’incontro clou di FestaReggio, sabato 26 agosto, col  noto psichiatra e psicoterapeuta Paolo Crepet, insieme alla deputata PD Vanna Iori, docente universitaria e membro della bicamerale Infanzia e adolescenza. L’appuntamento è alle ore 21 in Piazza Grande.

Esperto in tematiche familiari e infantili, Paolo Crepet nel 2016 ha pubblicato il libro Baciami senza rete, edito da Mondadori. Lo psicanalista compie un’analisi libera da pregiudizi della condizione dell’individuo e dei rapporti interpersonali nel mondo digitale e interconnesso in cui oggi tutti viviamo, ma dal quale le giovani generazioni sembrano letteralmente rapite. Come sarà, da adulto, un bambino che ha comunicato sempre e soltanto attraverso un device?

Paolo Crepet

Paolo Crepet

Tutti dobbiamo fare i conti con questa svolta epocale che è la rivoluzione informatica perché ci siamo dentro e ne stiamo vivendo in pieno l’attraversamento. Il web è diventato il nostro mondo quotidiano e accompagnerà i cambiamenti relazionali delle nuove generazioni. Già ora tutti (genitori e figli, anche nonni) usano i social, ma non tutti sono consapevoli dell’uso corretto e dei pericoli.  La cyberdipendenza è in aumento in tutte le età e classi sociali. Lo smartphone come baby-sitter è sotto i nostri occhi. C’è una competenza tecnologica che i nativi digitali acquisiscono in fretta, ma c’è anche una competenza relativa all’uso corretto della rete che richiede una consapevolezza più profonda e difficile.

È quindi importante non demonizzare uno strumento che comporta grandi vantaggi. Nato per avvicinare e velocizzare, il web è però solo uno strumento: spetta a noi la responsabilità dell’uso che ne facciamo. Il confine virtuale/reale e online/offline è sempre fluttuante perché la rete ha effetti nella vita che possono essere anche molto dolorosi e drammatici. Si tratta allora di acquisire competenze, prima di usare o lasciare usare con leggerezza agli adolescenti facebook, twitter, instagram. La rete è una grande strada che può diventare anche una barriera omologante. Per questo, prima di tutto, viene l’educazione. Tutto è nell’educazione.  Accettare le sfide della rete oggi richiede più che in passato il coraggio di educare, per attraversare questo guado tecnologico senza perdere umanità.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *