Furto in grande stile al Mediaworld dei Petali: strade bloccate da furgoni messi di traverso

8/8/2017 – Un colpo in grande stile, pianificato a tavolino come un’azione di guerriglia, al quale hanno  partecipato numerose persone e che probabilmente ha avuto risultati inferiori alle attese dei malviventi.

E’il furto perpetrato questa notte ai danni dello store Mediaworld, al centro commerciale I Petali dello stadio di Reggio: per ritardare l’intervento delle forze dell’ordine, la banda ha piazzato di traverso due furgoni Iveco Daily nel sottopasso di via Tegani e nella strada di accesso al magazzino, oltre a un fuoristrada che bloccata via Cavallotti.

I ladri hanno usato una Mercedes come ariete per sfondare l’ingresso del negozio, e sono fuggiti con un carico di smartphone lasciando sul posto ben quattro mezzi, tutti rubati e recuperati dai Carabineri .

Tutto è accaduto in pochiminuti questa notte, poco prima delle quattro quando l’allarme è scattato alla centrale operativa dei Carabinieri: i militari del nucleo radiomobile subito intervenuti hanno trovato le strade d’accesso al centro commerciale ostruite da veicoli messi di traverso.

Il sottopasso di via Tegani era ostruita da un Iveco Daily così come la strada che conduce al magazzino del MediaWorld era bloccata da un altro furgone Iveco: li avvano rubati la notte del 7 agosto da un’azienda edile di Suzzara, nel mantovano. Un fuoristrada Volvo XC 90 rubato sempre la notte del 7 da una concessionaria di Gualtieri era di traverso in via Cavallotti mentre una Mercedes 320, utilizzata come ariete per la spaccata e risultata rubata sempre nella concessionaria di Gualtieri, è stata abbandonata nei pressi del negozio.

I malviventi hanno portato via asportato parecchi smartphone e altra merce in corso di inventario, e si sono dileguai verso Via Romano.

Il danno ammonta a molte migliaia di euro, comunque i banditi hanno avuto poco tempo per condurre a termine il colpo, grazie all’intervento tempestivo dei carabinieri.  Si indaga per furto aggravato.

Sull’episodio, ulteriore conferma come nel reggiano agiscano bande di “professionisti” organizzata su larga scala,è intervenuto il vicesegretario provinciale della Lega Nord, Matteo Melato, che parla di “una organizzazione che ha una chiara preparazione di tipo militare quindi con un presumibile grado di pericolosità molto elevato che, in molti altri casi avvenuti in italia, hanno visto come protagonisti soggetti dell’est Europa.”

” La nostra città ormai è come il far west – scrive l’esponente leghista –  Il primo passo per risolvere il problema è prendere coscienza della situazione ed avere il coraggio di affrontarla in maniera netta e decisa. Reggio Emilia ha un grave problema di sicurezza, di ogni tipo. Scene di micro criminalità e criminalità organizzata ormai sono all’ordine del giorno e le cause sono tutte da ricondurre ad un immigrazione senza regole e ad una mancanza di certezza della pena che rende il nostro territorio un facile scenario per compiere questi atti”.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *