Caccia al contratto, Iren bussa alle porte
Ma Federconsumatori avverte: “Non aprite agli sconosciuti, i tesserini si possono falsificare”

In questi giorni, in diversi condomini, di Reggio Emilia,  sparsi in zone anche piuttosto lontane tra loro della città, sono comparsi dei cartelli di Iren Mercato per informare  i cittadini che, a partire dal 3 o 4 luglio, passeranno alcuni addetti dell’azienda per una verifica delle fatture e dei vari tipi di servizio.

I cartelli  invitano i cittadini ad aprire la porta di casa propria ai venditori porta-a-porta che, nel giorno indicato, si presenteranno, muniti di apposito tesserino. Tali persone si identificheranno con il tesserino IREN e  chiederanno di mostrare le ultime fatture.

Su questa operazione commerciale di Iren, che si ritiene affidata a operatori esterni ma che si presentano in nome e per conto di Iren, ha preso posizione la Federconsumatori di via Bismantova che negli anni ha dovuto dare assistenza a centinaia di clienti delle multiutility per contratti irregolari o non richiesti, ma attivati dopo aver carpito i dati sensibili (anagrafici, fatture, numero cliente etc.). Insomma, alla Federconsumatori guidata da Giovanni Trisolini questa operazione di Iren a caccia di clienti a domicilio non piace per niente. E così ha scritto ai media per ricordare alcune questioni elementari. Soprattutto di non fidarsi e di non aprire agli sconosciuti: cosa che del’resto raccomandano sempre anche le forze dell’ordine, in particolare i carabinieri nel famoso vademecum “Non aprite quella porta”.

Senza contare che dei delinquenti potrebbero approfittare dei volantini di Iren Mercato, per spacciarsi come falsi addetti, entrare nelle case  e truffare, come spesso capita, le persone anziane.

“Come associazione a tutela dei diritti dei consumatoriin- scrive dunque via Bismantiva – in  merito a questo argomento ci sentiamo di ricordare alcune cose e di suggerirne altre:

1) un tesserino IREN (come di qualsiasi altra azienda) è facile da fare con qualsiasi computer e una semplice stampante. Se siete in casa da soli, comunque, non fidatevi ad aprire ad uno/a sconosciuto/a.

2) Bisogna SEMPRE essere protagonisti delle proprie scelte. Se volete verificare i vostri contratti, le vostre fatture e il tipo di consumo potete scegliere di andare presso gli sportelli IREN. E’ una scelta che vi tutela perché non vi costringe in casa con qualcuno che non conoscete e vi permette di alzarvi e andarvene se non siete sicuri o convinti.

3) Sulle nostre fatture e bollette sono contenuti codici MOLTO RISERVATI. Spesso accade che, anche senza firmare alcun contratto o proposta di contratto, tali codici vengano copiati ed utilizzati per attivare nuovi contratti, all’insaputa del cliente”.

iren-bolla

Federconsumatori puntualizza: “Il nostro intento non è quello di stigmatizzare nè IREN ne altre aziende, ma semplicemente ricordare ai cittadini che cambiare una fornitura o un contratto non è questione da poco. Tornare sui propri passi, nel caso lo si desiderasse, non è semplice nè immediato. Inoltre ricordiamo che IREN MERCATO opera sul mercato libero dell’energia e non su quello tutelato”.

In conclusione “consigliamo tutti, in particolare chi ha parenti particolarmente anziani, a rinnovare l’invito all’attenzione e al fatto che, in ogni circostanza, se si è soli in casa E’ SEMPRE MEGLIO NON APRIRE LA PORTA A CHI NON SI CONOSCE, ANCHE SE MOSTRA CARTELLINI”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *