Addio a Bruna Garofani, mamma del leader Fiom Landini
I funerali mercoledì mattina a Rosano di Vetto

4/7/2017 – Si è spenta domenica sera, all’età di 88 anni, Bruna Garofani vedova Landini, madre del segretario generale della Fiom Maurizio Landini. L’anziana è deceduta nell’abitazione della figlia a San Polo: la pensionata, a seguito del peggioramento delle condizioni di salute, da diversi mesi viveva con la figlia. Bruna aveva abitato per molti anni a Montepiano di Vetto, il suo paese di origine. Era zia dell’ex sindaco di Vetto Sara Garafoni.
«Mia madre – ricorda il figlio sindacalista Maurizio Landini – ha dedicato la sua vita alla sua famiglia essendo madre di cinque figli, lavorando anche come dipendente dell’impresa di pulizia Coopservice. Era originaria di Montepiano, ma aveva anche risieduto per moli anni a San Polo e per un periodo pure a Canossa. Era stata inoltre impegnata nel sociale come volontaria, con il ruolo anche di cuoca, della “Festa dell’Unità” di San Polo. Mamma è stata sicuramente un punto di riferimento per tutti noi: era una persona disponibile e generosa».
La salma dell’anziana è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale Sant’Anna di Castelnovo Monti dove è stata allestita la camera mortuaria. I funerali, in forma civile, si svolgeranno domani mercoledì mattina con partenza alle ore 9.30 dal nosocomio castelnovese per raggiungere la piazza di Rosano (frazione di Vetto) in cui si formerà il corteo funebre a piedi fino al cimitero di Rosano per la tumulazione del feretro. L’ultimo addio alla Garofani sarà accompagnato dalla banda musicale di Felina. Bruna Garofani lascia i figli Rolando, Mara, Marta, Maurizio e Leonida, i generi, le nuore e i nipoti. Il marito Guerrino Landini era scomparso nel dicembre del 2013 all’età di 88 anni.

La famiglia della defunta ha chiesto non fiori, ma eventuali offerte a favore della “Pubblica Assistenza Croce Verde” di Reggio Emilia.
(Matteo Barca/La Voce di Reggio Emilia)

__________________________________

A Maurizio Landini le condoglianze più sentite e un abbraccio dalla redazione di Reggio Report

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *