Parco innovazione: dal Comune di Reggio 2 mln a Stu Reggiane per aumento di capitale
Alla Allodi di Parma appalto da 8,4 mln per il capannone 18

30/6/2017 – Con delibera di giunta approvata ieri, il Comune di Reggio Emilia ha conferito a Stu Reggiane spa –  la partecipata guidata dall’imprenditore It  Luca Torri (70% comune di Reggio e 30% Iren Rinnovabili)  che si occupa dello sviluppo del Parco Innovazione nell’area Reggiane – la somma di 2 milioni di euro sotto forma di aumento di capitale.

Tali risorse, già impegnate a questo fine nel Bilancio di previsione 2017 del Comune – spiega l’assessore Daniele Marchi – serviranno a potenziare il progetto di riqualificazione anche in previsione dell’arrivo delle ulteriori risorse, pari a circa 18 milioni di euro, attraverso il Bando governativo aree urbane e periferie. Con le risorse appena deliberate, si potenziano le progettazioni in corso e si riqualifica il sistema di sottoservizi (reti elettriche e fognarie in particolare) con benefici estesi all’intero quadrante. Il Parco Innovazione è uno dei progetti più ambiziosi e importanti dell’Amministrazione, che si sviluppa grazie al compartecipazione tra Comune e Iren Rinnovabili attraverso lo strumento Stu Reggiane spa”.

Oltre alla nascita del Parco Innovazione quale sede di imprese innovative per attività di ricerca e sviluppo tecnologico, l’intervento riguarda le dotazioni territoriali di piazzale Europa (diviene una vera e propria piazza a servizio del quartiere di Santa Croce e della città, oltre che display di accesso al Parco Innovazione) e viale Ramazzini (riqualificato e riaperto nel suo tratto storico a servizio dei nuovi insediamenti e dello stesso quartiere), oltre ai parcheggi di urbanizzazione primaria, e prevede inoltge  la bonifica dell’intera area.

Parco innovazione: rendering dell'interno del capannone 18 Reggiane

Parco innovazione: rendering dell’interno del capannone 18 Reggiane

– Avanzamento lavori

Il Consiglio di amministrazione della Stu Reggiane spa del 21 giugno ha approvato il verbale di gara ed aggiudicato in via definitiva l’appalto per la riqualificazione architettonica e funzionale del Capannone 18 a favore della impresa di costruzioni Allodi srl di Parma, per un importo pari ad 8.466.428,27 euro oltre IVA.

Considerato che i lavori, conclusi a marzo, di consolidamento e fondazione del Capannone 18 hanno ridato sicurezza strutturale all’edifico, anche in termini di antisismica, la ditta Allodi può procedere direttamente alla costruzione delle strutture in elevazione.

Il progetto per il Capannone 18, proseguendo il concept adottato nel Tecnopolo (Capannone 19), prevede la conservazione della struttura esistente, mediante il recupero e consolidamento dei paramenti murari perimetrali e delle strutture primarie di ferro.

Il layout interno, concepito a moduli indipendenti in modo rispettoso del rigore della struttura originaria, è invece libero dal punto di vista distributivo e organizzativo, in modo da adattarsi alle diverse esigenze dei soggetti che vi si insedieranno.

Il capannone 18: esterno

Il capannone 18: esterno

La riqualificazione prevede la realizzazione di spazi di relazione e viabilità integrati ad un sistema di verde in grado di avvicinare i capisaldi presenti (stazione Fs, Centro internazionale Loris Malaguzzi, Tecnopolo, quartiere storico di Santa Croce) e stimolare ulteriori sinergie con i futuri interventi di riqualificazione.

Contestualmente proseguono i lavori di riqualificazione di piazzale Europa – il primo stralcio, per un valore di circa 1.300.000 euro – che porteranno a migliorare il collegamento tra il Parco Innovazione e il centro di Reggio Emilia, oltre che a trasformare il piazzale, attualmente solo un parcheggio, in un vero e proprio spazio multifunzionale, più sicuro e vivibile, a servizio del quartiere Santa Croce e della città.

La fase ora in atto riguarda la parte impiantistica e la realizzazione delle opere di distribuzione idrica e termica, delle centrali tecnologiche comprensive dei collegamenti, a servizio dell’area Reggiane.

Infine, nel percorso intrapreso dalla Stu Reggiane di informazione e promozione innovativa e creativa che riguarda l’intervento di riqualificazione in atto alle Reggiane, si colloca la collaborazione con Luciano Ligabue e Fandango per la realizzazione delle riprese cinematografiche del film “Made in Italy” presso il cantiere del Parco Innovazione.

Parco innovazione: rendering della porta d'accesso

Parco innovazione: rendering della porta d’accesso

Condividi

Una risposta a 1

  1. mario Rispondi

    30/06/2017 alle 17:03

    Le operazioni finanziarie vengono seguite dal noto Torri di Lugano, fratello dell’amministratore di STU ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *