“E’ da irresponsabili trivellare nell’area Fantozza”
I consorzi di bonifica insorgono contro i sondaggi petroliferi

9/6/2017 – “È irresponsabile pensare a trivellazioni in aree a conclamato rischio idraulico: potrebbero pregiudicare irrimediabilmente l’equilibrio del territorio”. Lo dice l’Associazione nazionale dei consorzi per la gestione e la tutela del territorio e delle acque irrigue (Anbi) a proposito del progetto di ricerca di idrocarburi nell’area ‘Fantozza’ (comuni di Guastalla, Novellara, Reggiolo, Campagnola Emila, Fabbrico, Reggiolo, Rolo, Rio Saliceto).

L’Anbi, su indicazione dei Consorzi di bonifica Emilia Centrale (con sede a Reggio Emilia) e Terre dei Gonzaga in destra Po (con sede a Mantova), evidenzia che “la sicurezza idraulica di tali territori e’ stata raggiunta solamente all’inizio del XX secolo, grazie ad un sistema di canali ed impianti, progettato e realizzato sulla base di livelli altimetrici ben definiti”. Gli effetti della subsidenza (fenomeno correlato anche alle estrazioni dal sottosuolo) “potrebbero mettere in difficolta’ il delicato sistema idraulico di bonifica, causando danni non solamente alle coltivazioni agricole, ma anche agli insediamenti abitativi, produttivi ed infrastrutturali, realizzati dal dopoguerra spesso proprio in aree vallive, rese salubri dalla bonifica”, avverte Anbi.

“L’equilibrio idraulico delle pianure italiane – commenta Francesco Vincenzi, presidente Anbi- costituisce il frutto di una secolare attivita’ di manutenzione e di programmazione del territorio. Questa situazione di delicato equilibrio viene data superficialmente per scontata mentre, nella realta’, e’ costantemente messa a repentaglio da fattori quali il continuo consumo di suolo ed i cambiamenti climatici in atto. Per questa ragione molti territori di bassa pianura, come quella interessata dal progetto Fantozza, sono significativamente esposti al rischio di alluvioni ed allagamenti, accentuato dall’irrefrenabile aumento dell’urbanizzazione”. Il tema della subsidenza, aggiunge Massimo Gargano, direttore generale Anbi, “e’ stato oggetto di un’apposita riunione, da noi convocata nei giorni scorsi a Rovigo, capoluogo di quel Polesine, dove il territorio non si e’ ancora stabilizzato a seguito delle estrazioni negli anni 50. Eppure, nonostante il pericolo ed i grandi investimenti pubblici finora necessari per adeguare le infrastrutture all’abbassamento progressivo del suolo, periodicamente c’e’ chi ripropone la ripresa delle trivellazioni”. Anbi invita quindi gli organi competenti “a valutare, approfonditamente e senza pregiudizi, gli effetti, che l’estrazione di idrocarburi potrebbe determinare, causando l’aumento del fenomeno della subsidenza, sul sistema idraulico di aree a conclamato rischio”.

“L’equilibrio idraulico delle pianure italiane – commenta Francesco Vincenzi, presidente Anbi- costituisce il frutto di una secolare attivita’ di manutenzione e di programmazione del territorio. Questa situazione di delicato equilibrio viene data superficialmente per scontata mentre, nella realta’, e’ costantemente messa a repentaglio da fattori quali il continuo consumo di suolo ed i cambiamenti climatici in atto. Per questa ragione molti territori di bassa pianura, come quella interessata dal progetto Fantozza, sono significativamente esposti al rischio di alluvioni ed allagamenti, accentuato dall’irrefrenabile aumento dell’urbanizzazione”. Il tema della subsidenza, aggiunge Massimo Gargano, direttore generale Anbi, “e’ stato oggetto di un’apposita riunione, da noi convocata nei giorni scorsi a Rovigo, capoluogo di quel Polesine, dove il territorio non si e’ ancora stabilizzato a seguito delle estrazioni negli anni 50. Eppure, nonostante il pericolo ed i grandi investimenti pubblici finora necessari per adeguare le infrastrutture all’abbassamento progressivo del suolo, periodicamente c’e’ chi ripropone la ripresa delle trivellazioni”. Anbi invita quindi gli organi competenti “a valutare, approfonditamente e senza pregiudizi, gli effetti, che l’estrazione di idrocarburi potrebbe determinare, causando l’aumento del fenomeno della subsidenza, sul sistema idraulico di aree a conclamato rischio”.

(FONTE: AGENZIA DIRE)

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *