Donna marocchina ferita con l’acido dal marito in Tribunale

26/6/2017 – Giovane  marocchina di 30 anni sfregiata con una sostanza ustionante, forse ammoniaca,  in tribunale a Reggio Emilia. L’agghiacciante episodio è avvenuto intorno alle 11 nei pressi del bar di palazzo di Giustizia, in quel momento affollato di clienti, soprattutto avvocati.

La signora nordafricana è stata aggredita dal marito un marocchino di 39 anni: le ha gettato in faccia dell’acqua e una polvere urticante gialla – dal forte odore di ammoniaca – che a contatto con il liquido ha gravemente ustionato la donna. La coppia era in tribunale per la separazione, secondo una prima ricostruzione erano al bar a fare colazione insieme quando lui l’ha afferrata al collo e le ha gettato addosso la polvere gialla. Lei si è accasciata al suolo gridando per il dolore insopportabile.

donna sfregiata

Una delle guardie che ha arrestato il marocchino in Tribunale (immagine da TeleReggio)

Mentre gli avventori del bar fuggivano, sul posto si precipitavano le guardie di sorveglianza e i carabinieri in servizio, che hanno arrestato lo il marito marocchino. La moglie, soccorsa dal personale del bar, è stata trasporta d’urgenza al Santa Maria Nuova . Il primo referto parla di ustioni al volto da verosimile sostanza acida. Anche l’uomo nel maneggiare la soluzione pericolosa ha riportato ustioni,  per cui è stato condotto anche lui in ospedale dove si trova piantonato dai Carabinieri della stazione di Reggio Emilia Santa Croce. E’ accusato di lesioni personali aggravate. Sono in corso gli accertamenti per risalire alla natura della sostanza.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *