Sicurezza e richiedenti asilo
Marcia dei comitati contro il Comune

24/5/2017 – Via libera a una manifestazione dei comitati cittadini contro il muro di gomma dell’amministrazione comunale di regio emilia, a vario titolo accusata di fare orecchie da mercante. Dettagli organizzativi ancora da definire, ma la decisione è stata presa l’altra sera nel corso di una riunione a cui hanno partecipato i rappresentanti della cosiddetta rete dei comitati:  Ascoltare S. Croce, Reggio Est Sicura, di via Fabio Filzi, di Santo Stefano, di Gardenia, di via 4 Novembre, di via Emilia S.Pietro, Reggio Civitas.
Una decisione presa dopo il batti e ribatti delle scorse settimane sulle riposte  più opportune da dare a problemi da tempo sul tavolo e già oggetto, di manifestazioni proteste e richieste di incontro con le autorità cittadini e i tutori dell’ordine pubblico.
Un malessere che cerca una sponda, un ascolto che possa fornire soluzioni opertative. Ad esempio, sulla  qualità della vita in certi quartieri, ovvero la presenza dei richiedenti asilo.
Al Comune anche con una manifestazione pubblica in strada è già stato chiesto di mettere mano alla gestione e alla presenza sul territorio dei richiedenti asilo  per evitare che solo alcuni quartieri della città si ghettizzino sempre più. Sui questo punto specifico il Comitato Reggio Est Sicura ha di recente organizzato una fiaccolata di protesta.

Via Melato: cittadini in strada per protesta

Via Melato: cittadini in strada per protesta

I temi della insicurezza e delle opportunità di  integrazione si incrociano tuttavia anche con fatti di microcriminalità, spaccio, sfruttamento della prostituzione. Un mix esplosivo che i comitati ritengono lasciato a se stesso e, quindi, potenzialmente pericoloso.
Da qui la decisione di fare un salto di qualità della protesta unificando la voce contro l’amministrazione comunale che è il primo referente dei cittadini e a cui si chiede di  interlocuire con le forze dell’ordine, questura e prefettura, per dare un segnale  di ascolto. L’obiettivo della marcia della rete dei comitati è quindi quello di spingere il Comune a prendere una posizione  gestendo flussi e sistemazione specie dei richiedneti asilo  governando con i privati l’accoglienza.

(DALLA VOCE DI REGGIO EMILIA)

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Fausto Poli Taneto Rispondi

    24/05/2017 alle 14:15

    Condivido l’articolo e gli interventi di Davoli su tanti fatti e pure su Sabart Novellara e iren Poiatica.
    Bravo Rainero !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *