Remilia Pride: “Il lume del libero pensiero contro l’oscurantismo religioso”

da Federazione Anarchica Reggiana e Unione sindacale italiana

16/5/2017 – In merito alle affermazioni del comitato reazionario “Beata Giovanna Scopelliti” l’Area Libertaria (FAI Reggiana e USI Reggio Emilia) condanna con energia questa posizione presa all’insegna del più bieco oscurantismo religioso. Le farneticanti dichiarazioni del comitato confermano, ancora una volta, la vera faccia della religione – in questo caso cattolica- che non perde mai l’occasione per mostrare la sua arretratezza civile, politica, sociale e umana.

Definire oggi l’omosessualità e transessualità come un “vizio” o peggio una “malattia” è ignorante, violento e vergognoso. Se qualcosa è da riparare, non è certo lo “scandalo pubblico” provocato dal pride, ma la mentalità contorta e discriminatoria di quanti vomitano odio e disprezzo contro chi non condivide la loro moralità a senso unico.

La Federazione Anarchica Reggiana – FAI, l’Unione Sindacale Italiana – RE e gli anarchici di Reggio Emilia invitano tutti e tutte a non prestare orecchio a simili sproloqui retrogradi e degni della peggiore tradizione clerico-fascista, riaffermano la necessità di una sessualità libera, personale, vissuta nel pieno rispetto di se stessi e del prossimo, nel senso di un amore libero da vincoli istituzionali.

La Federazione Anarchica Reggiana – FAI e l’USI – RE invitano inoltre tutti e tutte allo spezzone rossonero che l’area libertaria sta costruendo per la grande giornata del Remiliapride del 3 giugno.
Un’occasione per accendere il lume del libero pensiero contro l’oscurantismo religioso!

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *