Presa la banda dei predoni dei garage: in manette 16 ucraini e moldavi
Rubavano in tutta la regione

23/5/2017 – Rubavano in tutta la regione e rubavano di tutto: in sei mesi 55 furti, a fronte di 60 episodi di ricettazione, monitorati dagli inquirenti. Colpi messi a segno, nella maggior parte dei casi a Ferrara e provincia e poi in quelle vicine  (Bologna, Ravenna, Modena e Reggio Emilia da una rete di malviventi  ucraini e moldavi. A reggio sono ritenuti responsabili anche del saccheggio di numerosi garages.
Oggetto dei  furti, computer, bici da corsa costosissime, attrezzi edili o da giardinaggio, telecamere e videocamere e macchine fotografiche, tablet e I Pad e Pc a non finire e tante auto, ben ventidue, tutte recuperate e restituite ai proprietari, ha spiegato il comandante Gruppo Carabinieri di Ferrara, il colonnello Andrea Desideri, facendo il punto della maxioperazione che ieri mattina ha impegnato 250 Carabinieri nelle diverse province emiliano-romagnole, assieme al maggiore Marcello Mari, comandante compagnia e Norm Ferrara che ha svolto le indagini.
Delle 16 persone individuate, 14 sono state arrestate ieri mattina: in serata due erano  ancora ricercate nel Bolognese. Sono uomini tra i 20 e i 40 anni, moldavi ed ucraini e una sola donna.
La banda del buco (chiamata così per la tecnica usata per razziare cantine e garage, bucando i portoni) ha operato da maggio a novembre dello scorso anno, e poi dopo aver raccolto la refurtiva nella casa in Corso Piave e in un’altra casa in città, partivano con bus e pulmini per venderla in Ucraina e Moldavia.
«Predoni» senza scrupoli, li ha chiamati il colonnello Desideri, con precedenti penali per furti e altro, alcuni residenti in città, altri senza fissa dimora e solo un paio irregolari: molti ad esempio, in regola solo in apparenza, poichè avevano passaporti rumeni, dunque comunitari.
Comunque un colpo durissimo al crimine organizzato dell’ Est, con l’appoggio di alcuni vettori che curano i collegamenti bus tra con la Moldavia, l’Ucraina e altri Paesi.  Non è l’unica banda che opera in regione, ma questa ha saccheggiato interi quartieri, contribuendo ad aggravare il senso di insicurezza dei cittadini.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *