Nuova coop di lavoratori rileva Methis (arredi per ufficio) dal crac Coopsette

12/5/2017 – Un gruppo di lavoratori della Methis, già soci Coopsette, ha costituito una nuova cooperativa per rilevare la divisione arredamenti ufficio dell’ex colosso di Castelnovo Sotto finito in liquidazione coatta. La conclusione dell’operazione (o meglio, il nuovo inizio) sarebbe imminente: lo ha annunciato senza altri particolari il presidente di Legacoop Emilia Ovest Andrea Volta, aprendo questa mattina i lavori del convegno sul workers buy out (WBO, ovvero lavoratori che rilevano le aziende in difficoltà) alla Rocca di Scandiano.

Arredi da ufficio di Methis

Arredi da ufficio di Methis

Grazie soprattutto alle esperienze reggiane,  il Wbo Sta diventando un fenomeno nazionale. Nella mattinata, oltre a Volta, sono intervenuti il sindaco di Scandiano Alessio Mammi, la deputata Antonella Incerti, presentatrice di una risoluzione per il rafforzamento della legge Marcora (sostegno alle nuove aziende cooperative)  l’ esperta di Legacoop Daniela Cervi e  i rappresentati di quattro workers buy out di successo: Greslab, Arbizzi, Art Lining e e dell’azienda storica Fornace di Fosdondo (già del gruppo Unieco). Quindi una tavola rotonda coordinata dal giornalista Stefano Imbruglia con il deputato Antonio Misiani, tesoriere del Pd, esperto del settore, Camillo de Berardinis presidente di Cfi (fondo partecipato del ministero sviluppo economico), Aldo Soldi direttore generale di Coopfond e Luca Bosi, presidente di Boorea e di Sicrea. Ha concluso i lavori il presidente di Legacoop regionale giovanni Monti.

 

Be Sociable, Share!

2 risposte a Nuova coop di lavoratori rileva Methis (arredi per ufficio) dal crac Coopsette

  1. Carlo Menozzi Rispondi

    13/05/2017 alle 09:27

    Adesso fanno gli annunci in pompa magna.
    Ma quando, tempo fa, partì la proposta da parte degli operai, tutti, ripeto tutti dal sindacato alla lega coop, osteggiarono il progetto… Perchè Methis era la sola che produceva utili e pensavano se bastasse lei per salvare il salvabile. Ora invece visto che è andato tutto a ramengo, va bene e facciamo gli annunci. Peccato che i progettisti ed i tecnici di Methis abbiano nel frattempo preso altre strade ed il team che portava avanti l’azienda non ci sia più. Comunque, tantissimi auguri.

    • Fausto Poli Rispondi

      20/05/2017 alle 14:34

      Purtroppo pure nei crack c’e’ chi non vede l’ora e si imbroda per affittare/acquistare qualcosa di interessante.

      Il concetto ? Poniamo che un appartamento venga sgomberato perc mancato pagamento del mutuo. Il valore si abbassera’ notevolmente. L’oggetto andra’ all’asta ma magari qualcuno lo prenotera’ prima. Insomma inciucio pure qui.
      A mio parere, ovviamente.

Rispondi a Fausto Poli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *