Mezzo quintale di marijuana in un garage di Reggio: in manette quattro insospettabili
Il capo era un albanese

12/5/2017 – Quarantaquattro chili di droga sequestrati; tre reggiani e un albanese, tutti insospettabili, arrestati. E’ il risultato dell’operazione antidroga condotta nel tardo pomeriggio di ieri 11 maggio dai carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Castelnovo Monti che hanno operato congiuntamente ai colleghi della stazione di Collagna.

I  carabinieri della montagna  hanno operato a reggio città i 4 arresti e il sequestro dell’importante partita di droga destinata non solo ai reggiani, ma probabilmente anche ad asltre province. Con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Castelnovo Monti e della stazione di Collagna hanno arrestato un 49enne carrozziere campano, un libero professionista 41enne reggiano e un operaio 38enne, tutti abitanti a Reggio Emilia, unitamente a un 28enne d’origini albanesi abitante sempre nel capoluogo..

L’attività ha portato al sequestro di complessivi 44 chili di marjuana e una decina di grammi di hascisc, unitamente a altro materiale attrbiuibile all’attività di spaccio posta in essere dal quartetto.

A sgominare l’organizzazione si è arrivati attraverso i controlli sul territorio. Tutto è cominciato quando un giovane di Collagna è stato  individuatoun giovane in possesso di 7 grammi di marjuana detenuti per uso personale.

Da lì hanno i militari hanno perquisito la casa di un operaio di 38 anni, che aveva fornito la droga al ragazzo: hanno trovato 2 etti di marijuana in quattro incolucri sigillati,  una decina di grammi di hascisc  e appuinti con nomi e cifre . Nel proseguo delle indagini i carabinieri risalivano al grossista, identificato in un 41enne libero professionista reggiano. Questi, in concorso con un carrozziere 49enne di Reggio Emilia nascondeva ihn un garage ben  44 chili circa di marjuana che sono stati sequestrati dai carabinieri. L’attività dei militari è stata coronata da pieno successo, arrivando a individuare un cittadino albanese abitante in città  che tirafa le fila dell’organizzazione. In casa sua hanno sequestrato la prova regina del suo coinvolgimento nel traffico: la chiave che apriva il garage dove era custodita l’ingente partita droga.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *