Il Credito Cooperativo Reggiano aderisce al gruppo Ccb di Trento
Bilancio 2016 con piccolo utile causa accantonamenti

8/5/2017 – I Soci del Credito Cooperativo Reggiano, convenuti numerosi all’assemblea convocata domenica mattina al palazzetto dello sport di Scandiano, hanno approvato il Bilancio dell’Esercizio 2016 e deliberato all’unanimità l’adesione della banca al Gruppo Cassa Centrale Banca S.p.A. con sede a Trento, già da lunga data partner in prodotti e servizi del Ccr.

“Il rapporto con CCB è forte e di reciproca stima e fiducia. La nostra banca, già oggi, realizza con Cassa Centrale Banca l’80% di tutte le sue attività, configurando la scelta nel solco della continuità e della affidabilità operativa – ha detto il direttore generale Pierluigi Ganapini – Cassa Centrale Banca ha presentato un progetto industriale innovativo ed adeguato ad interpretare la nostra visione strategica e il nostro modo di essere vicini al territorio. La partenza della piena operatività del gruppo sarà il 1 luglio 2018. Cassa Centrale Banca avrà un patrimonio di 1 miliardo di euro che con tutte le adesioni sarà sicuramente superiore, ed un capitale libero per il rischio superiore ai 700 milioni di euro. Una volta terminate tutte le adesioni da parte delle BCC italiane, le prime evidenze numeriche ci dicono che la nostra banca diventa socia di un Gruppo Bancario con un CET1 ratio, primario indicatore di solidità, del 16,3%, il più alto in Italia tra i Gruppi Bancari, e sarà il 7° gruppo bancario italiano per attivi, posizionandosi appena al di sotto del Gruppo BNL-Paribas e al di sopra del gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna e del Credito Emiliano.

La solidità, l’efficienza e la capacità di generare reddito saranno quindi declinazione di tale dimensione. Nel rispetto di ben definiti indicatori di sana e prudente gestione, alle singole BCC socie verrà garantita un’autonomia idonea al presidio del loro territorio di riferimento. Questo permetterà alla nostra banca e ai suoi soci di coniugare l’anima generatrice di banca cooperativa del territorio, davvero vicina ai bisogni delle famiglie, delle piccole e medie imprese locali con le regole ferree e i requisiti economici e patrimoniali richiesti dalla Banca Centrale Europea. Stiamo quindi attraversando una fase storica di autentica evoluzione strutturale e di mentalità strategica, unica nel suo genere, che dovrà essere colta in ogni ambito per far si che la nostra banca sia esempio e modello di banca del territorio a dimensione europea”

I risultati della gestione, esposti Ganapini, evidenziano una raccolta diretta pari a 401,2 milioni (+4,74%), una raccolta indiretta pari a 163,2 milioni (+8,17%) per una raccolta totale da clientela di 564,4 milioni (+4,74%), mentre gli impieghi lordi alla clientela si sono attestati ad euro 358,2 milioni (+2,99%). In aumento anche il capitale sociale pari a 30,4 milioni (+1,16%), accompagnato dalla crescita costante del numero dei Soci, giunti a quota 7.819 a fine 2016 (+243), a testimonianza della fiducia riposta nella Banca.

Il rapporto sofferenze lorde/impieghi lordi è pari al 9,88% con una copertura delle sofferenze pari al 57,37%, mentre la copertura totale sui crediti non performing è salita al 45,41% con un incremento di oltre 3,8 punti percentuali rispetto allo scorso anno.

L’esercizio si è chiuso con un utile pari ad euro 94.332, dovuto ai maggiori accantonamenti sul credito in un’ottica di una sempre più attenta e prudente valorizzazione degli attivi.

Il Patrimonio netto a fine 2016 risulta pari a 36,6 milioni, mentre i coefficienti di vigilanza evidenziano un CET1 pari a 12,60% e un Total Capital Ratio pari a 12,60%, confermando l’adeguatezza degli indici patrimoniali.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *