Giro d’Italia: la tappa costa duecentomila euro
Spiccano gli sponsor Stefano Aleotti e Cir Food

18/5/2017 – Il Giro d’Italia è stato a Reggio Emilia sette volte, con cinque arrivi di tappa. La prima volta nel 1927, il 17 maggio, con arrivo della tappa partita da Torino, la seconda fu nel 1947, con la Genova-Reggio Emilia – Prato. La terza volta, nel 1966, con la tappa Cesenatico-Reggio Emilia, e nel 1983, con l’arrivo della dodicesima tappa Pietrasanta-Reggio. Quindi nel 2001, il 27 maggio, con l’ottava tappa Montecatini Terme-Reggio Emilia. A concludere la cronologia, il 2007, con la partenza della nona tappa Reggio Emilia-Lido di Camaiore.

Duecentomila euro di spese complessive per la tappa reggiana di oggi e domani, con partenza da Forlì e destinazione finale del tracciato Tortona, nella provincia di Alessandria. Un investimento sostenuto dagli sponsor principali Ruote da Sogno, megastore di auto e moto d’epoca e nuova attività di Stefano Aleotti (fondatore di Cellular Line), SA Events, startup di eventi, meeting e spettacoli sempre di proprietà di Aleotti, e Casali Viticultori. Lo sponsor d’élite è invece Cir Food – Cooperativa italiana di distribuzione. Fra gli altri, anche la Camera di Commercio, Grissin Bon e Coldiretti.

Da sinistra Vittorio Adorni, giorgio Cimurri e Stefano Aleotti alla cena di gala di presentazione della tappa reggiana del Giro d'italia

Da sinistra Vittorio Adorni, Giorgio Cimurri e Stefano Aleotti alla cena di gala di presentazione della tappa reggiana del Giro d’italia

Un’unione di realtà imprenditoriali che grazie ad un’efficace sinergia sono riuscite a coprire i costi della manifestazione.
Ma gli eventi non terminano con la tappa a Reggio Emilia: sabato 20 maggio partirà da piazza Martiri del 7 Luglio la manifestazione cicloturistica Reggio – Rapallo, un appuntamento ciclistico amatoriale del Panathlon Club organizzato in memoria di Wouter Weyland e domenica 21 maggio in Piazza della Vittoria ci sarà “Salutando il giro – Grilli Tricicli di una volta” (un percorso gimcana per ragazzi dai 3 ai 15 anni).
La “città in rosa” continuerà infatti fino al 28 maggio, e in questi giorni la fontana davanti al Teatro Valli, alcuni edifici del centro storico e i Ponti di Calatrava saranno illuminati di rosa.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *