Violenza su una bimba di meno di sei anni
In carcere pedofilo recidivo i 80 anni: ci resterà sino al 2022

8/4/2017 – I Carabinieri di Gualtieri questa mattina hanno arrestato e portato in carcere un uomo di 80 anni condannato in via definitiva a sei anni di reclusione per violenza sessuale aggravata: la sua vittima era una bambina di meno di sei anni. L’arresto è avvenuto a seguito dell’ ordine di carcerazione emesso dall’ufficio esecuzioni penali della Procura di Reggio Emilia.

Si è conclusa così una vicenda terribile, ma non la prima di cui si è reso responsabile l’anziano pedofilo, già condannato per un reato analogo nel 2012 a 3 anni e 6 mesi.

L’ultima condanna riguarda un episodio avvenuto in un bar di Gualtieri dove l’anziano aveva preso in braccio la bambina, che mostrava ai presenti i suoi disegni, e le ha toccato le parti intime. richiamato dai presenti, l’anziano si era allontanato. Le indagini, messe in modo dalla denuncia dei genitori, avevano portato a formulare l’imputazione di violenza sessuale, con l’uomo in stato di carcerazione preventiva ai domiciliari. Ora, con la sentenza di condanna definitiva, è stato portato in carcere dove resterà sino al 16 giugno 2022.

Nel 2012 era stato condannato per analogo reato alla pena di anni 3 anni 5 mesi e 24 giorni di reclusione. In quel caso la violenza, risalente al 2006, si era consumata all’interno della cerchia più vicina alla famiglia. L’uomo era all’epoca dei fatti un amico di famiglia; più precisamente il marito dell’amica della mamma della piccola. Un’amicizia, quella tra le due donne e tra la mamma e la coppia, profonda e fondata su un’estrema fiducia, tanto da arrivare ad affidare ai coniugi la propria bambina. In quella circostanza con la minaccia di picchiarla e tenendo la piccola sotto costante intimidazione psicologica, l’uomo la costringeva a subire palpeggiamenti e a compierne a sua volta. Violenze aberranti e ripetute che avevano gettato la bambina in uno stato di disperazione e disagio, via via diventati sempre più evidenti.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *