Ricatto a luci rosse tra ragazzine: quattro studentesse denunciate

22/4/2017 – Ha diffuso su una chat un video osé realizzato con una sua amica. L’ha subito cancellato, ma  il video è stato visto e commentato negli ambienti scolastici.

La vicenda ha offerto lo spunto a quattro  ragazzine  di architettare uno scherzo di pessimo gusto andato avanti per settimane, sino a quando non è diventato un ricatto estersivo ai danni della responsabile del filmato.

Le 4 studentesse hanno creato un falso profilo facebook, attraverso il quale hanno contattato la ragazzina, facendole credere di aver scaricato il video e di essere pronte a diffonderlo, inducendola a sottostare ad un ricatto, consistente in due richieste di pagamento, la prima di 200 euro e la seconda di 150.

La vittima ha pagato, ma quando i genitori si sono accorti degli ammanchi dal conto corrente, hanno chiesto chiarimenti alla figlia, che a quel punto ha raccontato tutto. I genitori si sono subito recati dai carabinieri a denunciare l’accaduto. Le indagini  dei carabinieri di Novellara sono partite con pochi elementi (la vittima non conosceva di persone le ricattatrici) , vale a dire dalla descrizione della ragazza che aveva ritirato di persona i 150 euro e da testimonianze raccolte in ambiente scolastico.

I militari sono risaliti prima a una studentessa reggiana e poi alle tre complici. Tutte hanno ammesso le loro responsabilità, e i genitori hanno subito restituito i 350 euro pagate dalla vittima perchè non mettessero in rete il video. In realtà era una frottola: non lo avevano, quindi non avrebbero potuto pubblicarlo. Le quattro ragazze sono state denunciate alla Procura dei minorenni di Bologna per il reato di concorso in estorsione continuata.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *