Marito e moglie minacciati con pistola e derubati in pieno centro. La Lega Nord chiede misure d’emergenza

28/4/2017 – Ennesima rapina nel centro di Reggio: martedì sera intorno alle 23 un malvivente ha pedinato, minacciato con la pistola e derubato moglie e marito, Maria Rosaria Vitale di 54 anni e Olindo elefante di 56, che avevano da poco abbassato la saracinesca della loro pizzeria al taglio “Malindo” di piazza Gioberti.

La coppia, accompagnata da un amico,  si è avviata a piedi verso la macchina, parcheggiata a qualche minuto di cammino, nei pressi dell’istituo scolastico San Vincenzo di via Franchetti. La donna aveva nella borsetta l’incasso della giornata, circa 1.200 euro. vicino alla macchina, è stata avviinata da un figura che le ha intimato di consegnarli la borsa. L’esercente si è rifiutata, il delinquente gli l’ha strappata, ma lei è riuscita a riprenderla e a lanciarla al marito. A quel punto – ha raccontato Maria Rosaria Vitale – “il bandito mi ha presa per un braccio e mi ha buttata a terra, poi è corso verso mio marito puntandogli una pistola  e costringendolo a dargli la borsa.

Le telecamere della zona hanno immortalato il malvivente, poco più di un’ombra nella notte: “Non abbiamo neppure capito se fosse italiano o straniero. Non lo abbiamo neppure visto bene in faccia, perché aveva una felpa col cappuccio”.

Oggi la Lega Nord ha chiesto che il sindaco o l’assessore Natalia Maramotti “convochino immediatamente un tavolo con tutte le parti interessate: partiti, comitati, forze dell’ordine per ascoltare le proposte di tutti e le esigenze della cittadinanza per poi attuare immediatamente un piano di sicurezza che porti azioni decise”. “Nelle ultime ore le aggressioni si stanno moltiplicando nella nostra città. Donne aggredite in auto, donna aggredita e rapinata dal cellulare, donna aggredita fuori dal proprio locale, e altri borseggi che fanno pensare ad un bollettino di guerra quotidiano che purtroppo si aggiorna di ora in ora – afferma il Carroccio reggiano – E’ necessario intervenire in maniera decisa per tutelare i cittadini prima che possa capitare qualcosa di molto grave”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *