Il Lime lotta per sopravvivere
“Impedito alla Medials l’accesso alle Fiere”
Confermato il concerto Baustelle, ma il teatro è da rimontare

5/4/2017 – Il Lime Theater lotta per sopravvivere. Lo scontro con la cooperativa La Bussola che gestisce le Fiere di Reggio Emilia (e che ruota nell’orbita del Pd di area ex Margherita, con importanti personaggi nel cda come il consigliere comunale Pierluigi Saccardi, l’ex consigliere regionale Marco Barbieri e l’ex consigliere comunale Moreno Rodolfi, fratello del presidente Giordano Rodolfi )  è arrivato all’atto finale. Ieri mattina, ha riferito la Medials di di Roberto Meglioli, La Bussola ha impedito l’accesso al padiglione D delle Fiere di Reggio agli uomini incaricati di rimontare le strutture del teatro temporaneo, smantellate come da programma  per lo svolgimento del Camer.

Nel contempo La Bussola ha diffuso delle immagini del padiglione vuoto, con un messaggio all’opinone pubblica implicito ma chiaro: il Lime Theater non esiste più. In realtà lo “svuotamento” del padiglione con successivo rimontaggio del teatro già  era previsto, come del annunciato nell’ultima conferenza stampa di  Meglioli.

Il Lime Theater gremito per lo spettacolo di Travaglio

Il Lime Theater gremito per lo spettacolo di Travaglio

La reazione della Medials in serata è stata ferma: “Abbiamo appreso a mezzo stampa di una posizione di chiusura de La Bussola scrl. Per quanto ci riguarda gli eventi sono e saranno confermati e gli accordi negoziati e discussi, sono e saranno vigenti.

Dobbiamo ammettere – aggiunge il patron del Lime  – di aver ricevuto da La Bussola scrl/Rodolfi una proposta unilaterale di contratto per gli eventi di aprile, che invitiamo La Bussola a rendere pubblico”.

L'immagine del padiglio D vuoto, diffusa dalla Bussola scrl

L’immagine del padiglio D vuoto, diffusa dalla Bussola scrl

La Medials conferma dunque che l’attesissimo concerto dei Baustelle in programma sabato 8 aprile, si svolgerà regolarmente. Ma è chiaro che il tempo stringe, anzi siamo al limite : entro oggi dovrà essere trovata una soluzione per permettere ai carpentieri di rimontare il “temporary theater” in tempo utile. Se dovesse saltare il concerto dei Baustelle, sarebbe veramente la fine per il Lime, e forse anche per la Bussola: se è vero che esistono proposte, bozze di contratti e strette di mano, anche se non  formalizzati davanti a un notaio, il rischio di dover far fronte a richieste risarcitorie colossali, è reale. Senza contare il danno di immagine per Reggio, che si vuole accreditare come città degli eventi live: e questo è un problema della politica e delle amministrazioni pubbliche, visto che la questione investe l’interesse pubblico.

Vittorio Sgarbi e Roberto Meglioli al Lime Theater

Vittorio Sgarbi e Roberto Meglioli al Lime Theater

Ieri la Bussola ha diffuso un comunicato su un “sopralluogo” avvenuto in mattinata al padiglione D “su richiesta del commissario liquidatore Tiziana Volta, presenti fra gli altri Enrico Banfi (ex Fieremilia) e il liquidatore civile di Reggio Emilia fiere Apro Mondatori. Il comunicato parla di “padiglione liberato nelle settimane scorse dalla Medials”: ma alla luce del comunicato di ieri sera di Meglioli, evidentemente non è così. Il Lime continua a esistere, la sosta era programmata e va semplicemente rimontato.

Per la Bussola, tuttavia il capitolo è chiuso: “Non è possibile dar corso ad alcuna autorizzazione all’avvio dei cantieri per gli eventi ipotezzati”. In altri termini il oncerto dei Baustelle per laBussola non s’ha da fare, nè questo nè gli altri eventi programmati da Medials nel padiglione D.

“Ci preme evidenziare che alla data odierna – si legge nel comunicato della cooperativa guidata da Giordano Rodolfi –   non esiste alcun contratto condiviso firmato congiuntamente dal gestore degli spazi fieristici cooperativa La Bussola e società del gruppo che fa capo al Sig. Roberto Meglioli, rispetto ad alcun evento programmato e/o pubblicizzato.

Nelle ultime settimane, anche alla luce degli auspici provenienti dalla cittadinanza, si sono svolti presso La Bussola incontri con il Sig. Roberto Meglioli al fine di raggiungere un accordo che si sarebbe dovuto tradurre in un contratto condiviso a tutela di tutti e non nella proposta contrattuale unilaterale di un singolo soggetto, evitando spiacevoli situazioni verificate nel passato di cui la scrivente cooperativa si è trovata ad affrontare suo malgrado”.

Pierluigi Saccardi

Pierluigi Saccardi

Purtroppo – scrive la Bussola – il Sig. Meglioli ad oggi non ha sottoscritto il contratto -a tutela di tutti- sottopostogli da parte de La Bussola al fine di dar vita a un rapporto ex novo che potesse permettere lo svolgimento delle manifestazioni proposte dal Sig. Meglioli presso il Padiglione D.

Conseguentemente non è possibile dar corso ad alcuna autorizzazione all’avvio del cantiere relativo agli eventi ipotizzati, mancando le garanzie necessarie e quindi la possibilità di predisporre la documentazione indispensabile.

Pur auspicando lo svolgimento di manifestazioni culturali che possono rappresentare un arricchimento per la cittadinanza, esse possono avvenire solo a seguito del raggiungimento della sottoscrizione di un contratto condiviso che ad oggi non è stato perfezionato”.

La situazione dovrà essere sbloccata oggi in un modo o nell’altro, altrimenti sarà un disastro: quel genere di devastazioni in cui finiscono per perdere tutti quanti.

Resta la domanda: perchè far fuori il Lime Theater, che è un successo straordinario e un caso nazionale, che era arrivato prima della bussola allefiere e che al momento è l’unico segno di vita del polo fieristico di via Filangieri?  forse non vogliono far fuori l’idea, ma proprio chi l’ha realizzata e la gestisce.

 

Be Sociable, Share!

2 risposte a Il Lime lotta per sopravvivere
“Impedito alla Medials l’accesso alle Fiere”
Confermato il concerto Baustelle, ma il teatro è da rimontare

  1. Paolo Pantaleoni Rispondi

    05/04/2017 alle 12:18

    Una sola impressione, da cittadino, da imprenditore, da essere umano: quella foto del padiglione vuoto, è apparsa ai miei occhi come la CAMERA ARDENTE del Lime Theatre, al cui capezzale vagano ipocrisia e mala politica.

  2. Claudio Trotta Rispondi

    06/04/2017 alle 14:25

    Piena solidarietà a MEGLIOLI e a City Medials

Rispondi a Claudio Trotta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *