“Decisione presa in segreto, cittadini calpestati”

26/4/2017 – Insorgono le opposizioni a Reggio Emilia dopo la notizia, pubblicata dalla Voce e da Reggio Report, sull’arrivo nella zona di via Roma do altri quindici richiedenti asilo, da ospitare in tre appartamenti appositamente affittati in via Ferrari Bonini, nella pressi del Cenacolo Francescano, dalla cooperativa Dimora D’Abramo.

Giuseppe Manzoni, a nome di  Fratelli d’Italia, definisce “particolarmente antipatica” la decisione presa nei giorni scorsi, in accordo con la Prefettura: “Non tanto per i migranti in sè, ma per il modo con cui è stata affrontata la questione, all’oscuro dei cittadini che già si sono spesi con una fiaccolata per ribadire la contrarietà all’insediamento di nuovi stranieri. Se le indiscrezioni fossero confermate sarebbe un grave precedente di come la volontà manifestata dai cittadini residenti possa venire ignorata per permettere ad una cooperativa di strutturarsi in vista di un bando”.

Via Ferrari Bonini: il museo dei Cappuccini

Via Ferrari Bonini: il museo dei Cappuccini

 

Perentori i toni di Matteo Melato, commissario provinciale della Lega Nord: “Ancora una volta le preoccupazioni dei cittadini non vengano ascoltate anzi vengono proprio calpestate. Non vogliamo che il nostro centro diventi un mega centro di accoglienza, quindi chiediamo che il Sindaco intervenga ascoltando i propri cittadini”.

Cittadini che “avevano chiesto semplicemente di non sovraccaricare zone già duramente provate dall’arrivo di profughi e invece questa richiesta, nonostante le rassicurazioni del caso, non è stata neanche presa in esame. L’arrivo di altri 15 profughi o sedicenti tali in via Roma non farà altro che infiammare l’animo di gente già esasperata dai disagi che portano queste persone con il loro difficile inserimento. Dopo le lamentele degli abitanti, le promesse che erano state fatte dalle autorità competenti erano chiare: non arriveranno più profughi nelle zone già sovraccaricate di persone – scrive Melato – Puntualmente questa promessa è stata disattesa dimostrando ancora una volta quanto poco contano i cittadini reggiani. Tutto questo è inaccettabile”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *