Coopsette e Unieco: “Legacoop restituisca i prestiti”
Pd e Forza Italia all’attacco

16/4/2017 – Su una cosa le forze politiche reggiane sembrano d’accordo, a destra e a sinistra: Legacoop deve  fare qualcosa per restituire i prestiti sociali perduti dai soci delle grandi cooperative edilizie fallite.

Da un lato, il Pd – ha aperto un “tavolo tecnico” con i propri parlamentari per trovare una soluzione, in polemica trasparente con Legacoop che attraverso Andrea Volta e il presidente regionale Giovanni Monti hanno respinto l’ipotesi di un fondo nazionale risarcitorio, e hanno anche annullato, per mancanza di risorse,  la restituzione del residuo 10% del prestito di cui agli accordi con i soci di Cmr e Orion. A conferma di una rottura storica, il Pd reggiano ha anche deciso di aderire alle manifestazioni organizzate da Federconsumatori martedì 18 aprile sotto la Prefettura di Reggio, giovedì 20 sotto Legacoop a Bologna e il 18 maggio davanti alla Camera dei deputati a Roma.

Una manifestazione dei soci Coopsette davanti alla sede di Legacoop

Una manifestazione dei soci Coopsette davanti alla sede di Legacoop

Dalla sponda delle opposizioni, Forza Italia ha preso l’iniziativa in Comune a Reggio e in Provincia con due ordini del giorno fotocopia sui crac Coopsette e Unieco: “Chiediamo al sindaco Vecchi e al presidente Manghi – sottolinea Giuseppe Pagliani – di intervenire su Legacoop perché metta a disposizione le proprie risorse finanziare al fine di restituire  i prestiti perduti e e si attivi per ricollocare i soci che hanno perso il lavoro nei crac delle cooperative. Colgo l’occasione – aggiunge il capogruppo azzurro in Sala del Tricolore – per precisare che la nostra assenza quando martedì il Pd ha discusso e approvato il proprio ordine del giorno su Unieco, non è stata una distrazione, ma una scelta politica: eravamo pronti a un documento unitario, ma non una delle nostre proposte è stata accolta, e alla fine la discussione è avvenuta in coda a ogni altro punto, a un’ora molto tarda. Non si fa così: l’importanza dell’argomento merita ben altri spazi e ben altre disponibilità a uno sforzo unitario a fianco dei soci traditi e dei lavoratori disoccupati”.

Giuseppe Pagliani

Giuseppe Pagliani

Ecco il testo dell ‘ordine del giorno presentato da Forza Italia in Sala del Tricolore e da Terre Reggiane in Provincia:

“OGGETTO: Liquidazione delle cooperative edili reggiane UNIECO E COOPSETTE

Considerato che:

è stata deliberata la liquidazione anche delle ultime due grandi cooperative “Rosse” di costruzione reggiane UNIECO e COOPSETTE, così da decenni definite pubblicamente.

Tenuto conto che:

le stesse hanno rappresentato per oltre cinquanta anni il fulcro dell’economia edile ed urbanistica reggiane

Dato che:

I soci prestatori di Coopsette , in relazione alla quota sociale ,  non sono stati ammessi allo stato passivo dal commissario liquidatore e di conseguenza , senza un deciso intervento di  Legacoop , l’eventualità di ottenere un rimborso  seppur parziale è praticamente inesistente

Visto che:

le stesse cooperative tracollate finanziariamente ora non sono nelle condizioni di restituire le quote ed il prestito sociale dei soci lavoratori e risparmiatori.

Dato che:

da questo “terremoto” economico e finanziario reggiano oltre 1500 aziende di fornitori, piccole e medie imprese artigiane, rischiano di non percepire più alcuna somma relativa ai crediti dagli stessi vantati

Considerato inoltre che:

Nel 2013 Legacoop è intervenuta per permettere il rimborso dei soci prestatori di CMR Reggiolo impegnandosi , attraverso la neo costituita Retecoop srl , a rilevare il 40% dei loro crediti permettendo così alle famiglie dei soci prestatori  il recupero di almeno una parte degli importi versati alla cooperativa nel corso degli  anni precedenti a titolo di quota sociale.

Dato inoltre che:

vi sono migliaia di persone rimaste senza lavoro ed in procinto di perdere nei prossimi mesi

Considerato inoltre che:

sono coinvolte centinaia di soci cooperatori e lavoratori reggiani delle cooperative oltre centinaia di aziende piccole e medie artigiane reggiane

Si impegna il Sindaco Luca Vecchi ed il consiglio comunale di Reggio Emilia:

– a sollecitare Lega Coop ad intervenire per restituire con risorse proprie le quote sociali ed i risparmi dei cooperatori traditi dai crack finanziari di Coopsette ed Unieco

– a coinvolgere la stessa Lega Coop al fine di ricollocare i tanti dipendenti e soci lavoratori che hanno perso il lavoro”.

 

Be Sociable, Share!

2 risposte a Coopsette e Unieco: “Legacoop restituisca i prestiti”
Pd e Forza Italia all’attacco

  1. Fausto Poli Rispondi

    17/04/2017 alle 21:05

    Buonasera,
    mi pare che si stia perpetuando un ladrocinio.

    Gia’ alcune coop vanno all’estero, e ora cosa succede, tirano i remi in barca e si fanno fallimento ? Si tirano la zappa pur sapendo che e’ tutto organizzato ?

    E’ un’opinione la mia, pero’ credo che sia la verita’. E poi non c’e’ dialogo, un confronto in tv ????

  2. Marco Consolo Rispondi

    29/03/2019 alle 10:32

    Legacoop come bankitalia vs le banche, doveva monitorare l’andamento finanziario delle cooperative loro affiliate, da qui la responsabilità primaria di Legacoop in questi fallimenti.
    Se veramente Legacoop è il riferimento principale nel mondo del cooperativismo si adoperi senza indugi, come si sta adoperando già in campo bancario il governo, almeno nella restituzione delle quote associative, azioni e prestiti, che le cooperative hanno preteso al momento dell’ingresso o emesso come obbligazioni di pagamento, su cui ogni singolo socio, ha pensato di creare un proprio fondo di stabilità.
    Venuta meno quest’aspirazione di costruzione futura, mi domando se Legacoop riconosce la propria responsabilità a seconda dell’importo eventuale da rifondare, o sia compartecipe alla volontà del fallimento, o sia cosciente delle sue funzioni e ribadisca la sua costituzione.
    Sarei compiaciuto, che non vinca l’ipocrisia delle parole e si risponda con i fatti a smentire qualsiasi insinuazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *