Convenzione Pd, il segretario Costa contro la “bagarre da pollaio” su Unieco
Da Reggio a Roma 9 candidati renziani e 6 orlandiani

 6/4/2017 – In pieno scontro interno e flagellato dai venti di crisi, continua il percorso congressuale del Pd. Ieri sera al circolo Pigal si è riunita la  Convenzione provinciale  con 398 delegati (205 uomini e 193 donne) espressi dalle assemblee di circolo. 161 erano per la mozione Orlando, 3 per Emiliano e 234 per Renzi.

Al Pigal, la commissione del congresso ha indicato anche i 15 (9 della mozione Renzi e 6 della mozione Orlando) che andranno alla Convezione nazionale il prossimo sabato 8 aprile.

Il segretario provinciale Andrea Costa ha aperto i lavori chiedendo all’assemblea di rispettare un minuto di silenzio per le vittime dei gravi attentati avvenuti in questi giorni in Siria, dove tra i 72 morti ben 20 erano bambini e 17 donne, e per le persone uccise nella metropolitana di San Pietroburgo.

La convenzione provinciale del Pd al Pigal

La convenzione provinciale del Pd al Pigal

Ma per Costa l’appuntamento del Pigal è stato l’occasione per ringraziare il prefetto De Miro che ha sfidato la ‘ndrangheta e guidato le istituzioni reggiane nella lotta alle infiltrazioni della malavita nel nostro territorio.

Il segretario provinciale del Partito Democratico ha poi ricordato il default di Unieco dove più di 300 lavoratori hanno perso il posto e quasi un migliaio di soci hanno visto sfumare i propri risparmi. “ll crac di Unieco – ha detto Costa – per qualcuno può essere l’occasione per speculazione politica, per me significa il dramma di centinaia di persone, lavoratori e prestatori.

A me interessa costruire risposte per loro, non alimentare la bagarre da pollaio. Partecipo di una nuova generazione di amministratori e politici che non ha avuto paura di dire la sua sugli errori imprenditoriali compiuti da diverse cooperative, e queste analisi ci sono anche state usate contro. Vogliamo parlarne seriamente? Sono a disposizione”.

convenzione 1

Entrando nel merito del congresso del Partito Democratico Costa ha detto: “Partiamo dal risultato felice delle convenzioni nei circoli, sono state superiori alla media regionale per affluenza. Adesso dobbiamo impegnarci tutti affinché le primarie del 30 aprile ci consegnino numeri di partecipazione importanti”.

E i numeri, al termine della fase provinciale,  testimoniano 53 convenzioni di circolo che hanno portato quasi 2.800 tesserati al voto e hanno visto susseguirsi 380 interventi, “segno – ha detto Costa – che il dibattito interno è reale e rappresenta una risorsa ormai rarissima per le comunità che hanno sempre maggior bisogno di ritrovarsi e confrontarsi guardando in faccia i propri interlocutori”.

Il segretario provinciale ha concluso il suo intervento con  i complimenti a Matteo Renzi per sua vittoria chiara e senza sbavature, ad Andrea Orlando che ha trovato un’ottima affermazione sia livello locale che nazionale e a Michele Emiliano, riuscito a superare lo sbarramento del 5% per la partecipazione alle primarie.

Le prossime tappe del congresso PD prevedono sabato 8 aprile la Convenzione nazionale del Pd, nel corso della quale i tre candidati alla segreteria Renzi, Orlando ed Emiliano esporranno il loro programma per la leadership. Ogni candidato potrà avere una o più liste a sostegno. Domenica 30 aprile le primarie aperte a tutti: basterà dichiarare di essere elettore del Pd. Si potrà votare dalle 8 alle 20 sotto i gazebo nelle piazze e in altri punti di aggregazione del Pd.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *