Villa Minozzo, la Procura indaga sugli spalaneve
Guardia di Finanza in Comune

20/3/2017, primo giorno di primavera -La Finanza acquisisce documenti in Comune, riguardo ad alcuni appalti. Nei giorni scorsi la guardia di finanza reggiana, su richiesta del sostituto procuratore Giacomo Forte, ha acquisito documenti relativi agli appalti del servizio di spalatura della neve nel Comune di Villa Minozzo.
Sotto la lente delle Fiamme gialle le carte degli appalti: l’obiettivo è verificare se ci siano o meno state irregolarità nell’assegnazione degli incarichi. Per farlo i finanzieri hanno prelevato la documentazione necessaria dagli uffici del Municipio. A darne notizia un servizio del Tg di Telereggio.

guardia di finanza gdf foto1
L’indagine della procura reggiana era stata aperta in seguito all’esposto presentato da un imprenditore di Villa Minozzo, Erio Costi, assistito dall’avvocato Italo Rovali. Secondo quanto scritto nell’esposto, gli appalti sarebbero stati assegnati a imprese prive dei requisiti, o sotto il profilo del personale o dal punto di vista dei mezzi in dotazione. Ora l’indagine è coordinata dal pm Forte. Al momento non risultano indagati, ma le ipotesi di reato potrebbero essere abuso d’atti d’ufficio e truffa ai danni dello Stato.
L’avvocato Alessandro Merlo, che rappresenta la Provincia, sembra sereno: «A noi non risultano indagati – spiega – siamo a conoscenza dell’esposto presentato un anno fa da un imprenditore che aveva perso una gara. Abbiamo analizzato tutti i documenti e per quanto ci riguarda la gara si è svolta regolarmente».
Intanto Rovali, che assiste anche un altro imprenditore, ha presentato un secondo esposto per presunte irregolarità nell’assegnazione degli appalti per la spalatura neve da parte della Provincia di Reggio Emilia. L’istruttoria del pubblico ministero si sta avviando a conclusione.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *