Stazione Mediopadana: preso pakistano con mezzo chilo di eroina nello stomaco

di Giulia Cherubini

E’ stato l’intuito degli agenti  Polfer a mettere nel sacco un corriere della droga che aveva in pancia ben mezzo chilo di eroina. In manette, e poi nel carcere della Pulce è finito Zahoor Haq, pakistano di 46 anni.
Lo straniero è stato arrestato mercoledì scorso, dopo essere sceso dal treno che arrivava da Roma presso la stazione Mediopadana di Reggio.
Viaggiava sul Frecciarossa Roma-Torino con regolare biglietto. E’ sceso alla fermata reggiana dell’Alta velocità verso mezzogiorno. Gli agenti della ferroviaria, che erano sul luogo per un normale pattugliamento, non hanno potuto fare a meno di notare l’individuo.

Gli ovuli di eroina  trovati nello stomaco del corriere pakistano
Il 46enne si guardava intorno nervoso e non aveva con sé alcun bagaglio, ma solo una piccola valigia, e indossava abiti particolarmente leggeri. Visto l’atteggiamento reticente e schivo, i poliziotti si sono insospettiti e, dopo averlo perquisito, si sono allertati e hanno seguito l’intuito.
Gli agenti hanno quindi portato il cittadino pakistano in ospedale dove, dopo aver eseguito degli esami radiologici, è emerso che l’uomo aveva 60 ovuli di droga nello stomaco.
Ovuli ingoiati ore prima, per un totale di circa 500 grammi di eroina. Il 46enne non ha saputo rispondere con precisione ad alcuna domanda, né perché si trovasse a Reggio Emilia, né presso chi avrebbe alloggiato. Il pakistano è incensurato ed aveva con sé un permesso di soggiorno greco, secondo il quale risultava residente ad Atene.

Gli ovuli di eroina trovati nello stomaco del corriere pakistano

Gli ovuli di eroina trovati nello stomaco del corriere pakistano

Il corriere è stato quindi arrestato per il possesso della droga e per detenzione ai fini di spaccio. Il principio attivo dello stupefacente dovrà essere esaminato. L’indagine della Mobile prosegue per capire a chi fosse destinata la droga e se fosse riservata al mercato reggiano o meno.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *