Duecentomila euro della Manodori all’arena Campovolo targata Pd
Rubertelli: “Persa ogni decenza”

23/3/2017 – La Fondazione Manodori è pronta a entrare con 200 mila euro nel business targato Coopservice-Pd per l’arena spettacoli del Campovolo. Una delibera in questo senso è stata assunta dal consiglio di amministrazione della fondazione di piazza Del Monte guidata da Gianni Borghi e ha ottenuto il via libera dal consiglio generale nonostante – scrive oggi la Gazzetta di Reggio – le perplessità di alcuni membri. Perplessità rispetto ai conti della Manodori, che ha dovuto assottigliare anche la propria partecipazione in Unicredit, e nel merito rispetto al finanziamento di  un’iniziativa privata sul fronte del divertimento e del tempo libero, quando scarseggiano i soldi per progetti sociali, ad esempio un minimo sostegno ai soci prestatori travolti dai crac cooperativi. Ma anche perplessità politiche, perché sotto quei duecentomila euro c’è la firma di un giro amministrativo, economico e di finanziamenti pubblici  di cui a tirare le fila è il Partito Democratico.

Concerto di Ligabue al Campovolo

Concerto di Ligabue al Campovolo

Si dà il caso che l’ arena spettacoli (già battezzata Grandi Eventi, anche se non esiste ancora) ha ottenuto attraverso la società Aeroporto controllata dal Comune di Reggio Emilia, guidato da sindaco Luca Vecchi, un finanziamento della Regione  attraverso i fondi europei Por Fesr per 1 milione 750 mila euro.

E ciò sulla base di un progetto di massima presentato da Coopservice, colosso cooperativo  che non si occupa di spettacoli, ma di pulizie e servizi di sicurezza.  Coopservice tuttavia si è mossa non perchè qualcuno al mattino si è svegliato con un concerto di Ligabue in testa: ha presentato il suo progetto al Comune (che nel frattempo aveva inibito lo stadio Mirabello agli spettacoli live) soltanto dopo aver ottenuto in cordata con la Aliante del Pd reggiano, la sub concessione dell’area non operativa del Campovolo. Sub concessione messa a concorso dalla società Aeroporto (controllata dal comune targato Pd) e ottenuta con il rilancio di un solo euro sul prezzo a base d’asta, e senza altri concorrenti.

A proposito del finanziamento regionale già ottenuto sulla base di un progetto di massima (e non risulta che il Comune abbia approvato concessioni e il relativo piano urbanistico) vale la pena ricordare che nella giunta Bonaccini siede l’assessore all’agricoltura Simona Caselli – già presidente di Legacoop Reggio – mentre Andrea Rossi è il sottosegretario del Presidente.

Ai fondi Fesr ora si aggiunge il finanziamento della Manodori: in tutto quasi due milioni di euro, grosso modo un terzo dell’intero investimento per l’arena spettacoli, previsto in sei milioni.

Viene da chiedersi con quali criteri è governata la fondazione cittadina, e perché a questo punto non venga legittimamente finanziato anche il Lime Theater alle Fiere di Reggio.

Durissima, intanto,  la reazione della Cinzia Rubertelli di Alleanza Civica: “E’ una notizia che lascia basiti” frutto della “spregiudicatezza di chi politicamente ha perso ogni freno inibitorio e di decenza”.

“Solo due giorni fa si celebrava il bicentenario della nascita di Pietro Manodori- scrive RubertelliPassata la festa gabbato lo santo verrebbe da dire, perchè la notizia del finanziamento di ben 200 mila euro deliberato dalla Fondazione Manodori per sostenere l’iniziativa, esclusivamente privata, che vorrebbe realizzare un’arena spettacoli all’aeroporto, lascia basiti”.

“Dopo tutte le turbolenze recenti che ha passato la Fondazione, tra spolpamento del patrimonio, ricapitalizzazioni, riduzione dei dividendi e quindi delle elargizioni, in una fase economica e sociale di grande difficoltà un’istituzione che dovrebbe preoccuparsi solo di beneficenza si occupa di altro – afferma laconsigliera – Sostenere un progetto ludico a rischio economico, per di più in un’area già’ legata all’interesse  specifico di un partito e teatro di abusi edilizi, è una forma strana di beneficenza”. e conclude:  “Con quale faccia sabato prossimo il Sindaco e la Fondazione potranno celebrare Pietro Manodori? Probabilmente con la solita spregiudicatezza di chi politicamente ha ormai perso ogni freno inibitorio e di decenza“.

Oggi pomeriggio, intanto, il Comune di Reggio ha annunciato per domani la conferenza stampa di presentazione del progetto e del bando per la realizzazione dell’Arena grandi eventi Campovolo, “che farà di Reggio Emilia la capitale della Music Valley emiliana”.

Be Sociable, Share!

4 risposte a Duecentomila euro della Manodori all’arena Campovolo targata Pd
Rubertelli: “Persa ogni decenza”

  1. Fausto Poli Taneto Rispondi

    23/03/2017 alle 14:02

    Incongruenze, disuguaglianze & Co. Sara’ costruita da una coop costruzioni, ovviamennte.

    Certo che era ovvio che andasse cosi’. Non si puo’ discernere dal potere politico che impera in Regione.

    Per lo meno, sara’ un nuovo lavoro che dara’ lavoro. Si spera che venga fuori una bella arena.

  2. Carlo Menozzi Rispondi

    23/03/2017 alle 15:33

    “A proposito del finanziamento regionale già ottenuto sulla base di un progetto di massima …”. Provate a chiedere un finanziamento per un progetto culturale alla regione… provate … Se te li danno, arrivano dopo mesi, previa presentazione di bilanci, fatture, ecc. Qui in base ad un progetto di massima ….

  3. Ale Rispondi

    24/03/2017 alle 08:50

    E’ il PD… In che regione lercia viviamo!!!!

  4. andrea Rispondi

    24/03/2017 alle 17:44

    Più che ad un’arena era meglio pensare ed investire in un progetto che assicurasse continuità e presenza costante tutto l’anno. L’arena creerà folla 1 o 2 volte l’anno e per il resto deserto, salvo ovviamente la festa del PD!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *