Nuovi vertici del Parmigiano Reggiano
Unindustria chiede meno politica e più privato

23/3/2017 – Meno politica e più privato nel Consorzio del Parmigiano: è la posizione di Unindustria Reggio espressa in un appello del presidente Mauro Severi, in vista del rinnovo degli organi dirigenti del consorzio stesso. Severi ricorda che ormai a Reggio Emilia un terzo dei caseifici è riconducibile alla componente privata e di conseguenza il settore può mettere in campo competenze e professionalità “utili e preziose per lo sviluppo delle potenzialità commerciali di un prodotto di valore mondiale”.

“Nelle prossime due settimane – scrive Severi – è previsto il rinnovo dei vertici del Consorzio del Parmigiano Reggiano: un appuntamento molto importante per il futuro di uno dei prodotti maggiormente rappresentativi del nostro Territorio e dell’intero settore lattiero caseario e assoluto testimone del miglior Made in Italy.

Mauro Severi

Mauro Severi

Il rinnovo cariche porterà infatti alla definizione della nuova governance di un Ente che ha come scopo, oltre alla tutela e alla vigilanza, anche quello di valorizzare e promuovere un prodotto riconosciuto da tutti come straordinario, ma che certamente ha enormi potenzialità inespresse”

Aggiunge il presidente di Unindustria che “valorizzare il prodotto significa anche fare un’operazione di Sistema. Il Parmigiano Reggiano è il risultato di una filiera economica e produttiva rappresentativa dell’interezza del territorio: dall’Allevatore che produce il latte, al Casaro che con la sua manualità ne ottiene formaggio, agli Addetti delle Industrie che con il loro know how lo trasformano in porzioni e lo offrono ai Consumatori italiani e – in quantità crescenti – a quelli esteri”.

E sotto tale aspetto bisogna ricordafre che a Reggio Emilia “il 30% del latte trasformato in Parmigiano Reggiano proviene dalla componente Privata, e che 1/3 dei caseifici sono riconducibili ad una proprietà di natura imprenditoriale privata”.

Per questo motivo continua Severi – ” ritengo che il mondo imprenditoriale privato, con un orientamento ai mercati internazionali, alle logiche evolute di mercato e di prodotto, con una conoscenza delle dinamiche globali, possa esprimere competenze e professionalità utili e preziose per sviluppare le potenzialità commerciali di un prodotto dal valore condiviso a livello mondiale.

Questa fase di rinnovo rappresenta dunque un’opportunità nella misura in cui si saprà tenere in considerazione il contributo che ciascuna categoria potrà dare nell’interesse del prodotto e secondo una volontà positiva di svolta e di cambio di passo, al fine di operare in un logica di Sistema che valorizzi tutti gli attori di questa importante ed unica Filiera.

E’ dunque fondamentale scegliere i componenti del nuovo Consiglio secondo principi di competenza e non solo di appartenenza, dando valore a tutte le forze che possono contribuire ad un progetto concreto di rilancio”.

Ciò significa “che il confronto deve svolgersi sulla base del merito, sui programmi, sulle idee e sugli obiettivi che si intendono perseguire nell’interesse di tutto il comparto”.

E conclude: Unindustria è a disposizione per poter dare legittimamente contenuto al peso che il settore privato ha nei fatti”.

 

Mauro Severi

Presidente Unindustria Reggio Emilia

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *