Non sono ronde, ma quasi
Controllo di comunità, si comincia da Fogliano bersagliata dai ladri
Cittadini in assemblea con Municipale, Polizia e Carabinieri

14/3/2017 – E’ Fogliano il quartiere bersagliato senza sosta dai ladri dove per la prima volta si sperimentano i “controlli di comunità”, che consistono in gruppi di cittadini  organizzati, connessi in rete e collegati alle forze dell’ordine, per sorvegliare la zona e segnalare tempestivamente presenze sospette e fatti anomali.

Il progetto viene presentato alla cittadinanza mercoledì 15 marzo, alle  21, al centro sociale di Fogliano (via Pierluigi Nervi, 23)
Si tratta del primo appuntamento pubblico, che fa seguito alla firma del protocollo tra Prefettura e Comune di Reggio Emilia, avvenuta nei giorni scorsi.
All’incontro partecipano l’assessora Natalia Maramotti – al centro di burrascose polemiche dopo le sue accuse in consiglio comunale  contro chi parla di “allarme rosso” in materia di sicurezza – il comandante della Polizia municipale Stefano Poma e rappresentanti della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri.

“Dopo i furti avvenuti nella zona di Fogliano e la preoccupazione degli abitanti, si è convenuto insieme di iniziare la sperimentazione proprio in quell’ambito cittadino – sottolinea un comunicato pubblicato nel sito del Comune –  Il Controllo di Comunità intende rafforzare l’efficacia dei servizi di controllo del territorio sviluppando un sistema di sicurezza che integra le iniziative pubbliche e private in una cornice di sussidiarietà, basandosi sulla collaborazione informativa tra la cittadinanza e le Forze dell’ordine e la Polizia locale, secondo i criteri operativi mirati a potenziare i pattugliamenti e la tutela della sicurezza pubblica”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *