“Una incredibile omertà politica copre la macelleria sociale delle coop”

di Giuseppe Pagliani*

27/2/2017 – Da Unieco sono previsti licenziamenti collettivi per circa 170 lavoratori, è dei giorni scorsi un’altra riduzione per licenziamento di circa ulteriori 100 unità a Coopsette, Sicrea nata dalle macerie di alcune coop Rosse reggiani edili dovrè affrontare un nuovo piano di licenziamenti, l’economia cooperativa locale proviene già dalla devastante fine di Cooperativa Muratori Reggiolo, Cormo di San Martino, Orion, Cooperativa Muratori di Cavriago ecc.cormo 106
Nessuno dice niente, si vive una incredibile omertà politica, pari solo nella nostra provincia al silenzio che per oltre sessant’anni ha caratterizzato i crimini compiuti dai partigiani comunisti nel dopoguerra.
La politica del Pds-Ds-Pd ha responsabilità devastanti sulla fine del sistema cooperativo rosso reggiano. Per anni le stesse hanno sostenuto il sistema politico, ricevendone sempre un trattamento di favore nella definizione della pianificazione urbanistica, una concorrenza sleale manifesta quella delle coop rispetto alle imprese edili private. Si pensi solo alle consulenze professionale dell’attuale Sindaco Vecchi, che delle cooperative è stato per tanti anni sindaco revisore o consulente.

Una manifestazione dei soci Coopsette davanti alla sede di Legacoop

Una manifestazione dei soci Coopsette davanti alla sede di Legacoop

Chi paga per la macelleria sociale pura compiuta dal sistema cooperativo reggiano?
migliaia di fornitori impagati, migliaia di soci sovventori e prestatori di risparmio, traditi, migliaia di lavoratori e padroncini lasciati senza lavoro.

Giuseppe Pagliani

Giuseppe Pagliani

Non si può far scendere il silenzio su responsabilità così gravi, di natura politica, amministrativa ed economica, che precluderanno la crescita della nostra economia provinciale e l’accesso al credito per i prossimi anni a tantissime piccole e medie imprese, compromesse dai debiti impagati del sistema cooperativo do costruzione.
Sarà impegno del nostro gruppo consiliare cercare di evitare, denunciando altri errori amministrativi, che questo scisma economico possa continuare a distruggere l’economia reggiana.

*capogruppo Forza Italia

Be Sociable, Share!

2 risposte a “Una incredibile omertà politica copre la macelleria sociale delle coop”

  1. Guido Rispondi

    27/02/2017 alle 11:41

    Condivido tutto, il silenzio che si è creato attorno a questi fallimenti mai dichiarati, ma sempre utilizzando la messa in liquidazione, temo al solo scopo di impedire all’eventuale curatore nominato dal tribunale di esercitare una azione di responsabilità verso gli amministratori, e verso i revisori, la cosa è talmente sconcertante. Hanno tradito i valori per cui è nata la cooperazione, io sono un ex artigiano, e ricordo perfettamente il ns trattamento, NB noi eravamo cari? Con la sola differenza, che noi pagavamo le tasse i contributi, e non facevamo fatture di comodo, come viene ampiamente dimostrato nelle aule di giustizia. È questo ricorso a mio giudizio schifoso ai concordati in continuità. Al solo fine di tutelarsi dai creditori, i quali a loro volta hanno dipendenti e obblighi verso la fiscalità, e tanti si sono indebitati per poter lavorare! Da chi sono garantiti questi! Credo sia ora che questi interrogativi vengano posti. E credo sia anche ora visto che i soci non riescono a fare per paura di perdere quei pochi euro che sperano ancora di prendere, e non prenderanno mai, siano le amministrazioni comunali a costituirsi in giudizio contro questi ottimi amministratori, super pagati è sempre auto referenziati dalla struttura politico sindacale. Grazie e buon lavoro Guido

  2. Guido Rispondi

    27/02/2017 alle 11:44

    Resto in attesa di come verrà pubblicato il mio commento, grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *