Sudtirol-Reggiana ore 14,30 Stadio “Druso” i granata cercano la vittoria su un campo ostico.

Due vittorie le ha fatte e la terza potrebbe arrivare, a Bolzano, oggi pomeriggio alle 14,30 contro il temibilissimo Sudtirol, su un campo a dir poco ostico, sia per il terreno, sia per la qualità dell’avversario, al quale la classifica non rende merito, sia per la forza del reparto offensivo altoatesino. Allo stadio “Druso” la formazione granata ha sempre avuto non pochi problemi: negli otto precedenti incontri, infatti, i biancorossi avevano ottenuto due vittorie e conquistato ben 6 pareggi, ma la rete decisiva dal dischetto di Manconi, al Città del Tricolore, ha riscritto la storia, malgrado gli ospiti non avessero affatto demeritato. Proprio da quella gara, la truppa di William Viali ha iniziato a soffrire ed ora è a pochi punti sulla zona playout, malgardo l’organico sia di tutto rispetto.

QUI SUDTIROL

E per fortuna del Sidtirol, che il bomber Ettore Gliozzi, ha già realizzato 8 reti. In gennaio la società è intervenuta soprattutto in attacco inserendo due bomber di peso, come il 33enne Julien Rantier rilevato dal Bassano e il 29enne Lupoli dal Pisa. I locali hanno inserito anche il mediano Bertoni e il suo compagno di reparto, l’ivoriano Broh, ex Sassuolo, un giocatore di grande quantità, ma anche dotato di una discreta qualità. A sinistra ci sarà tanta corsa col ventenne Daniele Sarzi Puttini, correggese di nascita, mentre in mezzo, dietro, ci sarà la coppia di centrali Bassoli-Di Nunzio. A centrocampo il leader sarà il capitano Hannes Fink, bolzanino doc. Il 4-3-3 di Viali predilige la fantasia in attacco con Tulli (carnefice della Reggiana in passato con le maglie di Ancona e Vicenza) e Spagnoli solitamente a supporto di Gliozzi, ma l’esperto Cia e gli ultimi innesti Rantier e Lupoli dovrebbero trovare spazio durante la gara.

 

QUI REGGIANA

I granata non avranno neppure per questa partita Martì Riverola, infortunatosi alla vigilia di Reggiana-Modena. Non ci sarà neppure Pedrelli. A centrocampo, invece scenderà di nuovo in campo Sbaffo da mezzala sinistra, con una partita in più nelle gambe, con Bovo dall’altra parte e Genevier, il capitano, davanti alla difesa. Dietro Spanò e Rozzio, davanti a Perilli, con Ghiringhelli a destra e Contessa a sinistra. In attacco ancora Carlini trequartista dietro a Cesarini e Marchi. Il centravanti eugubino, vicinissimo a lasciare la Reggiana durante la finestra di mercaot di gennaio, ha mostrato segnali incoraggianti contro il Modena, dove, finalmente, lo abbiamo anche visto cercare la conclusione verso la porta, oltre al suo solito lavoro sfiancante per la squadra. In una partita come quella di Bolzano, dove la lotta sarà uno dei primi punti fermi, uno come Ettore Marchi potrebbe davvero essere l’uomo giusto al posto giusto e chissà che non arrivi anche il suo primo gol col quale, il centravanti granata, potrebbe davvero gettarsi alle spalle una stagione fino ad oggi deludente, costellata da tanti proboblemi. (da La Voce di Reggio Emilia – l.c.)

 

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *