Strangolamento “per gioco”, lesioni su bambino di 11 anni: brasiliano verso il processo

5/2/2017 – Un uomo di 27 anni residente a Carpi, nato in Brasile, ha ricevuto un avviso di fine indagini per lesioni personali aggravate per aver sottoposto un minorenne, di 11 anni, alla pratica dello ‘strangolino’, una sorta di strangolamento per gioco. Il fatto era avvenuto a Modena nell’aprile 2016, in un parco.

Nei giorni scorsi il Pm Katia Marino ha notificato l’atto, che di solito precede la richiesta di rinvio a giudizio. L’undicenne aveva riportato la rottura dell’osso ioide, con una prognosi di almeno 30 giorni. Le indagini sono state affidate alla squadra mobile della Polizia di Stato di Modena.
Il 27enne è indagato perché afferrando il collo del ragazzino “e comprimendolo con un braccio con intensità tale da produrre una stimolazione vagale, cagionava alla vittima lesioni personali consistite nella ‘frattura traumatica dell’osso ioide, perdita di coscienza e di urine, disturbo acuto da stress'”.
L’aggravante è legata alla minore età della vittima; a sporgere denuncia era stata la madre.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *