Pestaggio: moglie all’ospedale
con ferite e fratture, marito in manette

9/2/2017 – L’ossessione che la moglie potesse avere un’altra relazione l’ha portato negli ultimi 15 anni a macchiarsi di una serie di gravi e reiterate condotte violente nei confronti della moglie, una casalinga 50enne, che per anni ha subito minacce, offese e violenze compiute anche davanti ai figli minori, uno dei quali oggi maggiorenne.

Un calvario culminato ieri con l’arresto da parte dei Carabinieri della Tenenza di Scandiano di un operaio di 45 anni, abitante nel comprensorio ceramico reggiano, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia.

La donna  è  finita all’ospedale con una prima prognosi di 30 giorni per le lesioni provocate dall’uomo,  tra cui l’infrazione di una costola dell’emitorace.

L’intervento in casa è avvenuto ieri alle 15 dopo che, al culmine di una lite,  l’uomo ha strappato il cellulare dalle mani della moglie e lo ha spaccato, quindi l’ha pestata picchiandola con violenza inaudita  sul petto e graffiandola alle braccia e al collo, davanti al figlio. Fuggita in camera la donna, inseguita e offesa dal marito, riusciva a chiamare i carabinieri. L’uomo è stato portato in carcere anche alla luce delle violenze pregresse.

Una volta, ha denunciato la moglie, ha distrutto a martellate alcune macchine da cucire da lei utilizzate. Inoltre di notte, al rientro dal lavoro, la svegliava con urla e offese di ogni genere. Inoltre telefonava alla moglie con videochiamate anche centinaia di volte mentre era al lavoro, per assicurarsi che fosse sola. Una volta sono dovuti intervenire i carabinieri perché l’uomo aveva staccato il gas impedendo alla famiglia l’uso dell’acqua calda e del riscaldamento. Per non dire di numerosi episodi di violenza fisica.

 

 

Saluti

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *